Pubblicato il

Corruzione, interrogati Sarnella e Diaconale

Corruzione, interrogati Sarnella e Diaconale

L'imprenditore ed il giornalista sono stati ascoltati per oltre due ore dal pm Lorenzo Del Giudice

CIVITAVECCHIA – Due ore e mezzo di interrogatorio. E’ quello a cui sono stati sottoposti oggi l’imprenditore Giuseppe Sarnella e il direttore dell’opinione Arturo Diaconale. I due sono stati sentiti questa mattina dal pubblico ministero Lorenzo Del Giudice, direttamente presso il suo ufficio, nell’ambito dell’indagine sulla presunta corruzione in cui sono indagati lo stesso imprenditore e l’ex sindaco Gianni Moscherini. Naturalmente nulla emerge su quanto i due hanno raccontato al magistrato inquirente, ma a quanto pare le versioni date dai due non sarebbero convergenti con quanto invece aveva detto il giornalista, accusato di aver eseguito una campagna denigratoria nei confronti dell’attuale sindaco Pietro Tidei nel corso della campagna elettorale delle ultime elezioni amministrative. Una campagna elettorale che, nell’ipotesi accusatoria della procura, è stata pagata da Sardella, amministratore della Sar Hotel, in cambio dell’aggiudicazione dell’appalto per la realizzazione delle Terme. Gianlorenzo, al pm Del Giudice, avrebbe raccontato di aver avuto incarico di eseguire questa campagna di stampa semplicemente perché questo è il suo lavoro, ma, come detto, sembra che la versione fornita oggi da Sarnella e Diaconale sarebbe divergente. Per quel che riguarda l’attuale direttore del quotidiano l’Opinione però, da quanto starebbe emergendo soprattutto dopo il suo interrogatorio di oggi, la sua posizione sarebbe molto marginale in seno a tutta questa vicenda. Resta da capire se la procura, a questo punto, vorrà ascoltare anche la versione di Gianni Moscherini, ma l’impressione è che, dopo quanto hanno raccontato oggi l’imprenditore e il giornalista, è possibile che rinunci a sentirlo. 

ULTIME NEWS