Pubblicato il

Picchia a sangue un connazionale, romeno in manette

CIVITAVECCHIA – Ha aggredito verbalmente e picchiato con inaudita ferocia un suo connazionale, procurandogli lesioni multiple e aggravate. Per questo motivo è finito in manette C.R.H., trentatreenne pregiudicato rumeno, che lo scorso 7 ottobre ha preso di mira un altro rumeno residente in città, causandogli lesioni gravissime, giudicate guaribili in 40 giorni dal pronto soccorso dell’ospedale San Paolo di Civitavecchia.
L’Autorità giudiziaria, accogliendo l’impianto accusatorio scaturito dalle tenaci ed oculate indagini svolte dagli agenti del commissariato diretto dal dottor Giovanni Lucchesi, ha emesso un provvedimento restrittivo nei confronti dello straniero, prontamente rintracciato e associato alla Casa Circondariale di Borgata Aurelia, a disposizione del magistrato.
È stato invece denunciato per detenzione illegale di arma da taglio, un tifoso del Rieti Calcio che durante le operazioni di filtraggio eseguite dai poliziotti a margine dell’incontro tenutosi lo scorso 4 novembre tra Ladispoli e Rieti, valevole per il campionato di Eccellenza, è stato sorpreso all’ingresso dello stadio Martino Marescotti mentre tentava di disfarsi di un grosso coltello a serramanico.
Il sessantacinquenne reatino, E. G. le sue iniziali, è stato denunciato a piede libero. È stato inoltre segnalato alla Questura di Roma per l’adozione del Daspo. 

ULTIME NEWS