Pubblicato il

Hcs, spuntano corsi di formazione "fantasma"

Hcs, spuntano corsi di formazione "fantasma"

Nuovo filone d'indagine della procura della Repubblica sulla Holding Civitavecchia Servizi. Acquisito un documento del collegio dei revisori dove parlano testualmente di "falso"

Nuova, pesante, tegola su Hcs. La procura della Repubblica di Civitavecchia ha avviato una nuova indagine, stavolta riferita a corsi di formazione fantasma. Su questa nuova inchiesta gli inquirenti sono però abbottonatissimi, anche perché  sarebbe nel pieno dell’attività, tanto che avrebbero acquisito buona parte della documentazione proprio ieri. Uno di questi documenti sarebbe però importantissimo, perché redatto dal collegio dei revisori dei conti di Palazzo del Pincio, che avrebbero scoperto un conto corrente, dedicato alla gestione di un fondo, denominato «Forte», nel quale sarebbero confluiti contributi utilizzabili per l’effettuazione di corsi di formazione ed aggiornamento professionale del personale in organico ad Hcs, o più precisamente all’ex Etruria Servizi. «Agli atti dell’azienda – scrivono i revisori in quel documento – non sembra risultino attività formative a favore dei dipendenti, né risulta la nomina, neanche di fatto, di un soggetto responsabile del piano, né la documentazione comprovante la tenuta dei corsi (presenze, diari, dispense, docenti, argomenti, luoghi nei quali si sarebbero tenute le lezioni)». La magistratura avrebbe già scoperto che a pagare per quei corsi sarebbero stati direttamente gli operai, a cui mensilmente venivano decurtati pochi euro che poi confluivano sul conto «Forte». Ma i revisori vanno oltre, specificando un ordine di servizio, «documento redatto su carta intestata dell’Etruria Servizi spa recante in calce l’indicazione del capitale sociale di 374.271 euro, deliberato nell’assemblea dei soci del 2 luglio 2008». Ma poi aggiungono: «E’ da ritenere che il documento di che trattasi possa essere un falso». L’indagine della magistratura inquirente, di fatto nasce da qui, ed a quanto pare inizialmente sarebbe stata aperta contro ignoti. Ma ormai il cerchio si sta chiudendo intorno ai presunti responsabili.   

ULTIME NEWS