Pubblicato il

"Città Pulita, situazione disastrosa"

CIVITAVECCHIA – Città Pulita allo sbando. La situazione disastrosa la denunciano gli stessi dipendenti della municipalizzata cittadina che si occupa della gestione dei rifiuti che indicano le condizioni in cui sono costretti a lavorare, per spiegare i motivi dei disservizi che spesso si verificano. “Siamo costretti in poche ore a far fronte alla pulizia della città in condizioni estremamente difficili, causate da chi in questi anni non ha investito soldi per le attrezzature – hanno spiegato – da tre settimane le spazzatrici non escono, quando basterebbero poche centinaia di euro per metterne in strada almeno due; da un mese l’officina aspetta un trapano e non può lavorare per mancanza di pezzi di ricambio; i compattatori si sorreggono con il fil di ferro. Il tutto mentre si acquistano scope e palette per i cittadini, con l’unico scopo di mettere in evidenza le difficoltà degli operatori”.  I lavoratori puntano il dito contro chi prometteva il taglio degli stipendi alti, dei superminimi, il non licenziamento degli operai e la riorganizzazione dei servizi e delle strutture. “La situazione attuale – hanno aggiunto – parla invece di livelli e super minimi che non si possono toccare, di compensi ai consulenti di alto livello che aumentano sia al Comune che a Hcs, mentre per gli operai si delinea un futuro di cassa integrazione, licenziamenti e contratti di solidarietà”. 

ULTIME NEWS