Pubblicato il

Hcs, scontro in consiglio sulla vendita

CIVITAVECCHIA – Sembrava potesse scoppiare la pace tra maggioranza e opposizione. Almeno sul tema Hcs. Sembravano infatti tutti d’accordo che l’unico modo per uscire dall’impasse e salvare holding e lavoratori, fosse la vendita del pacchetto di maggioranza. Proprio come stabilito dalla delibera 71 che porta la firma dell’amministrazione Moscherini. Almeno è questo in sintesi, secondo il capogruppo Pdl Sandro De Paolis, quanto voleva intendere il sindaco Tidei relazionando su quanto accaduto in Regione e chiedendo proprio all’opposizione collaborazione. Ma è bastato poco a far tornare i mal di pancia da ambo le parti. Un vice sindaco Enrico Luciani che torna a ribadire la sua contrarietà alla vendita della Holding e un consigliere di maggioranza Mauro Guerrini risultato intollerante al «clima da Presepe che si è venuto a creare oggi in consiglio». Intanto Tidei ha annunciato che nei prossimi giorni si recherà presso gli uffici delle Sot per verificare chi timbra: «Impossibile – ha tuonato Tidei – che alle sei in 15 timbrino tutti insieme. Qualcosa non quadra. Questo malcostume deve cessare».

ULTIME NEWS