Pubblicato il

Civitavecchia capofila dello sviluppo del territorio

Civitavecchia capofila dello sviluppo del territorio

Prima riunione del tavolo permanente. Si traccia il futuro tra vocazione industriale e turistica. Tidei punta su porto, nuove convenzioni con le realtà produttive ed infrastrutture

CIVITAVECCHIA – Civitavecchia capofila dello sviluppo e della salvaguardia dell’occupazione sul territorio. Con questo spirito si è aperto il primo “Tavolo Territoriale per lo sviluppo, il lavoro, l’ambiente e la salute” convocato dall’amministrazione comunale, con il coinvolgimento delle parti sociali, i sindaci del comprensorio, associazioni di categoria, Asl, Enel, Tirreno Power, Italcementi, Rct ed Autorità Portuale. «Una riunione importante – ha spiegato l’assessore al Lavoro Sergio Serpente – soprattutto in considerazione della drammaticità della situazione attuale, non semplice da risolvere». Verranno convocati tre tavoli differenti, già a partire dalla prossima settimana, per affrontare subito i problemi. Uno si occuperà di ambiente e salute, con riferimento agli impianti energetici e produttivi, uno di sviluppo e lavoro, con un occhio alle clausole di salvaguardia e alle nuove iniziative di sviluppo, ed infine l’ultimo che si occuperà di porto e logistica, con l’obiettivo di coinvolgere anche il settore del turismo. «Serve dialogo e confronto per mettere a punto le strategie necessarie ad una nuova spinta in avanti – ha aggiunto il sindaco Tidei – dobbiamo dare una vocazione industriale all’area nord dove insistono 250 ettari di sbocco e sviluppo che possono rappresentare grande appeal per le imprese. Ad essa va aggiunta la risistemazione dell’area di Fiumaretta. Con Enel stiamo studiando soluzioni inerenti i reflui del calore per creare una piccola catena del freddo da utilizzare commercialmente. Ma Civitavecchia è anche turismo, e quindi terme, patrimonio storico archeologico, parchi». Uno sviluppo, quindi, che non può prescindere dal porto, dalle nuove convenzioni con Enel e Tirreno Power e dalla variante 31, le nuove economie legate alla raccolta differenziata, la Civitavecchia-Orte. Soddisfatto per i contenuti, il significato e le conclusioni della riunione il segretario della Cgil Cesare Caiazza. “Si è registrata unanimità – ha spiegato – sulla necessità di definire, con il contributo degli enti locali, parti sociali e grandi attori economici del territorio, un progetto complessivo finalizzato al rilancio economico del territorio”. Il tavolo verrà riconvocato nuovamente entro la metà di dicembre.

ULTIME NEWS