Pubblicato il

"Vogliamo portare un'opera pubblica a Betlemme"

CIVITAVECCHIA – Cinque ambasciatori ospiti domani di Civitavecchia, quello della Palestina in Italia, della Repubblica della Mauritania, del Regno di Arabia Saudita, dell’Algeria, del Sudan e del Marocco, per celebrare insieme la “Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese” indetta dall’Onu. E l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Pietro Tidei, come nel 1998 ospitò Yasser Arafat al quale venne conferita la cittadinanza onoraria, oggi è in prima fila per testimoniare la sua vicinanza alla Palestina. L’appuntamento è alle 17.30 all’aula Pucci. “Sosteniamo la lotta del popolo palestinese – ha spiegato il sindaco Tidei – e non ci piace il timido atteggiamento degli Stati Uniti. Civitavecchia è sempre stata vicina a questa popolazione e vogliamo continuare, organizzando un nuovo viaggio e, magari con il coinvolgimento dell’Enel, andando a realizzare un’opera pubblica a Betlemme, città con la quale siamo gemellati”. E’ stato poi il consigliere comunale di SeL Ismaele De Crescenzo a sottolineare come Civitavecchia, “città al centro del Mediterraneo, ha il dovere – ha chiarito – di essere protagonista nella diffusione di messaggi di pace”. Da parte del vicesindaco Enrico Luciani l’invito quindi a partecipare all’evento, “al quale – ha sottolineato – si aggiunge anche la partecipazione di una delegazione di Civitavecchia, guidata dal comandnate della Polizia Locale Remo Fontana, ai festeggiamenti di Santa Fermina ad Amelia. Due modi per riscoprirci comunità”.

ULTIME NEWS