Pubblicato il

Sì dei sindaci al Polo turistico dell'Alto Lazio

Sì dei sindaci al Polo turistico dell'Alto Lazio

I primi cittadini di Tarquinia, Tolfa e Allumiere entusiasti della proposta lanciata dal presidente Acanthus Giuseppe Sarnella

Accende l’entusiasmo dei sindaci dell’Alto Lazio la proposta lanciata dal presidente di Acanthus Giuseppe Sarnella di creare un polo turistico che possa competere con l’offerta turistica delle colline toscane ed integrarsi con il comparto turistico tout court che ruota intorno alla capitale.  Mettere a sistema le eccellenze turistiche, archeologiche ed enogastronomiche avendo come fulcro il nuovo polo termale di Civitavecchia è un’idea che trova l’approvazione dei sindaci di Tolfa, Allumiere e Tarquinia. Entusiasta il sindaco di Tolfa Luigi Landi per il quale è “Positivo e importante l’impegno di Acanthus per la creazione di un nuovo polo che veda tutte le realtà del territorio coinvolte in una strategia comune di promozione delle diverse peculiarità culturali, archeologiche, ambientali e culinarie”. Plaude all’iniziativa anche Augusto Battilocchio, sindaco di Allumiere: “Non possiamo che dare un giudizio positivo sulla proposta di un Polo Termale dell’Alto Lazio a patto di riuscire a coniugare l’offerta turistica con una strategia efficace di sviluppo del territorio. Un incontro con le altre realtà coinvolte ci permetterà di valutare, anche insieme ad Acanthus, la proposta progettuale e di collaborare per l’effettiva realizzazione”.“L’Alto Lazio e, in modo particolare Tarquinia, presentano risorse paesaggistiche, naturalistiche e culturali di notevole importanza. Il turismo può e deve rappresentare un volano per la nostra economia. Diventi quindi indispensabile investire nella qualità dell’ospitalità e nel proporre un’offerta turistica ampia e contestualizzata al territorio”, spiega Mauro Mazzola, Sindaco del Comune di Tarquinia. “L’appoggio delle istituzioni e dei sindaci di Tolfa, Allumiere e Tarquinia ci lascia ben sperare – spiega Giuseppe Sarnella, Presidente di Acanthus S.p.a. – Lo scopo è quello di mettere a sistema tutte le realtà del territorio e di coinvolgere anche i comuni di Cerveteri, Ladispoli e Santa Marinella per creare una reale e valida alternativa turistica ma soprattutto nuovi posti di lavoro”.
 

ULTIME NEWS