Pubblicato il

Piazza XXIV Maggio, arriva la sanatoria

Piazza XXIV Maggio, arriva la sanatoria

L’amministrazione mette una pezza anche al palazzo sequestrato. Discussione in consiglio sull’assestamento di bilancio 2012

CIVITAVECCHIA – Assestamento di bilancio 2012 e ‘‘Integrazioni alle norme tecniche di attuazione del Prg art. 18; zone di completamento (zone urbanizzate U) – voto n. 204/4 del 13/9/2012 del comitato regionale per il territorio – Controdeduzioni’’. Molto più semplicemente si potrebbe leggere Piazza XXIV Maggio. Perché la zona urbanizzata U comprende proprio lei. E oggi, il consiglio comunale (con 14 sì – oltre alla maggioranza anche il consigliere d’opposizione Dimitri Vitali – 2 astenuti e 2 no) ha trovato il modo di porre fine, almeno così si spera, a una storia che va avanti dal 2009, con la presentazione degli esposti da parte del consigliere dell’Italia dei valori Vittorio Petrelli che, analizzando punto per punto le sette pagine con cui l’Area Vigilanza Urbanistica Edilizia e Lotta all’Abusivismo della Regione Lazio ha espresso perplessità sulla concessione edilizia relativa a piazza XXIV Maggio che ha portato alla realizzazione di un edificio, poi posto sotto sequestro.
«Non si tratta di risanamento – spiega però il delegato all’Urbanistica Franco Passeri – il Consiglio comunale ha solo preso atto delle modifiche apportate dalla Regione Lazio a questa variante». Variante che, aggiunge Passeri, «non riguarda solo Piazza XXIV maggio ma il centro storico, anche perché non si può sanare un’opera con una delibera postuma e che non ha valore retroattivo».
Approvato con i soli 14 voti della maggioranza (Vitali e De Paolis hanno votato contro, mentre Pierfederici si è astenuto dalla votazione) l’assestamento generale di bilancio illustrato dall’assessore Giorgio Venanzi. Assestamento contestato dal consigliere del gruppo misto Dimitri Vitali: «Abbiamo – spiega quasi 5 milioni di euro all’interno della spesa corrente e zero in investimenti. Ma non solo. Da quanto rendicontato dall’Assessore al Bilancio, la gran parte dei fondi a disposizione sono stati utilizzati per il sistema idrico. Un vero e proprio pozzo di San Patrizio, mentre ai Servizi sociali sono stati destinati solo 37 mila euro circa». Settore, quello dei Servizi sociali che per Vitali avrebbe meritato più attenzione.
Approvata anche la convenzione tra i Comuni di Civitavecchia e Allumiere per il servizio in forma associata della segreteria comunale e la legge regionale del Lazio per il recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti. Disposizione con cui per un anno il Comune applicherà uno sconto del 20% «a chi si metterà in regola».

ULTIME NEWS