Pubblicato il

Elettrodomestici non a norma: sequestri a Tarquinia

Elettrodomestici non a norma: sequestri a Tarquinia

Blitz della Guardia di Finanza del tenente Daniela Vizzino. Ritirati 123 prodotti Il valore dei beni si aggira intorno ai 70mila euro. Sette persone denunciate

TARQUINIA – Elettrodomestici non a norma in vendita nella città di Tarquinia. Sono stati sequestrati nei giorni scorsi dalla Guardia di finanza, tenenza di Tarquinia, nell’ambito dei servizi predisposti per il controllo economico del territorio. I finanzieri al comando della neo tenente Daniela Vizzino, sotto il coordinamento del comando provinciale di Viterbo, hanno infatti effettuato una serie di controlli volti al rispetto della normativa del decreto legislativo 104/2012 che, in attuazione di specifiche direttive comunitarie, prevede l’obbligo di etichettatura energetica ed informazioni uniformi a tutti i prodotti correlati al consumo di energia che abbiano un impatto diretto o indiretto significativo sul consumo durante il loro uso. I controlli effettuati presso diversi rivenditori locali  hanno permesso di rinvenire e sequestrare 123 elettrodomestici di vario tipo che sono risultati totalmente sprovvisti o provvisti di etichettatura parziale, impedendo di fatto una corretta informazione alla clientela, in violazione alle normative comunitarie a tutela dei consumatori. Il valore di mercato dei beni sottoposti a sequestro amministrativo si aggira intorno ai 70.000 euro. Sette responsabili, di nazionalità italiana, sono stati segnalati alle competenti autorità per violazione della stessa normativa. (a.r.)

ULTIME NEWS