Pubblicato il

Polizia di Frontiera, sequestrate auto in porto

Molti i controlli sulle navi della tratta Civitavecchia-Tunisi da parte degli agenti della dottoressa Ripamonti

Molti i controlli sulle navi della tratta Civitavecchia-Tunisi da parte degli agenti della dottoressa Ripamonti

CIVITAVECCHIA – Numerosi controlli sono stati effettuati, nei giorni scorsi, dagli agenti della Polizia di Frontiera, sui numerosi passeggeri e veicoli del traghetto proveniente da Tunisi del 28 novembre e in partenza da Civitavecchia del 3 dicembre: riscontrate diverse irregolarità sui veicoli imbarcati e da imbarcare, irregolarità spesso celate dietro un’apparente normalità.
In particolare un cittadino italiano di 33 anni, residente nella provincia di Teramo, è stato denunciato per ricettazione e falso ideologico ed il veicolo sequestrato per gravi irregolarità nei documenti che lo accompagnavano. Poiché il veicolo presentava una targa non conforme, gli uomini della dottoressa Ripamonti hanno proceduto all’esame dettagliato di tutta la documentazione. Il certificato di assicurazione, che presentava un colore più intenso dell’ordinario, era falso e la carta di circolazione ed il certificato di proprietà del veicolo erano stati contraffatti su originali moduli in bianco la cui scomparsa era stata denunciata rispettivamente a Napoli nel 2000 e a foggia nel 2007.  Ad insospettire gli agenti sono stati i caratteri usati, leggermente diversi da quelli abituali, per cui attraverso il numero di serie del poligrafico, si è riusciti a risalire alle denunce di un complessivo numero di circa 400 moduli in bianco avvenute durante gli  ultimi anni.
Nel corso dei controlli sono stati inoltre sequestrati altri quattro veicoli, tutti sprovvisti di assicurazione, mentre un cittadino italiano residente nella provincia di Palermo è stato denunciato perché agli accertamenti è risultato non aver mai conseguito la patente. Ad un cittadino tunisino la patente nazionale è stata invece ritirata perché, sebbene fosse residente in Italia, non aveva provveduto a convertire il documento, come richiesto dalla legge.
Si è provveduto inoltre, in esecuzione ad un provvedimento emesso dalla motorizzazione di cesena,  a ritirare le targhe e la carta di circolazione di un veicolo in difetto di immatricolazione, la cui presenza sul traghetto era stata segnalata dalla polizia di frontiera di Palermo.
 

ULTIME NEWS