Pubblicato il

Caos viabilità e parcheggi selvaggi. Serpente: "Ora basta"

CIVITAVECCHIA – Auto che parcheggiano in doppia e addirittura tripla fila, sosta selvaggia in prossimità delle fermate degli autobus, sulle strisce pedonali, davanti agli ingressi di piste pedonali e discese per disabili. Una giungla, un vero e proprio caos viario. Per non parlare delle isole pedonali e delle ztl non rispettate: notte e giorno, non fa differenza. Nessuno le rispetta. Da largo Plebiscito a via Trieste, da piazza Fratti a piazza Saffi, arrivando a viale Matteotti e viale Baccelli, fino alla periferia. Questione di scarso senso civico, da un lato, ma anche di mancati controlli e multe da parte degli organi preposti, come denunciano gli stessi cittadini, ma anche gli amministratori. «E’ una situazione che si ripete ogni gioro, che ha assunto toni ridicoli e vergognosi – ha spiegato l’assessore alla Viabilità Sergio Serpente – in questo modo ognuno sembra legittimato a fare come vuole. Non ci sono regole e non vengono fatte rispettare. E a questo non possono esserci giustificazioni». Una battaglia che l’assessore ha iniziato da subito, dal momento del suo insediamente, quella per combattere sosta selvaggia e viabilità caotica. «La classe politica – ha infatti aggiunto – deve farsi carico di questa situazione : qui non ci sono buchi in bilancio o soldi da spendere. Serve un impegno serio della politica, che non va delegittimato, e che va al di là dei voti e delle parentele. Basta nascondere la testa sotto la sabbia». Sui maggiori controlli era intervenuto, nei giorni scorsi, anche il sindaco Pietro Tidei, nel corso della festa della Polizia Locale, lamentando proprio gli scarsi controlli e le poche multe per cercare di far rispettare le regole. «Abbiamo incentivato i controlli, implementando le attività per quanto possibile – ha confermato il comandante Remo Fontana, pur non volendo entrare nella polemica – ma ci troviamo di fronte ad una coperta troppo corta. Copriamo da un lato e scopriamo dall’altro. Basti pensare che, ad oggi, abbiamo un organico di 57 unità a fronte delle 120 che dovremmo avere da regolamento, con 7/8 unità per turno, considerati poi quelli che sono in procura, la squadra di pg, chi opera negli uffici». Servirebbe un incremento di personale, questo quanto fatto notare dallo stesso comandante, che chiede anche la collaborazione delle altre forze di polizia, tutte deputate al controllo di quanto attiene al codice della strada.

ULTIME NEWS