Pubblicato il

Stazione ferroviaria: non c’è aria di restyling

Stazione ferroviaria: non c’è aria di restyling

CIVITAVECCHIA – Prolungamento delle pensiline al binario 2 e 3, realizzazione di un ascensore montacarichi per agevolare la salita e discesa dai binari ai crocieristi accompagnati da pesanti valige e ai semplici pendolari. Tutto da completarsi al massimo entro il 2013. Era stata questa la promessa strappata ad Rfi dal delegato ai pendolari Amedeo Caravani ai primi di ottobre.
Ma di lavori, anche solo appena iniziati, non c’è traccia. La stazione è sempre la stessa. Con quel sottopasso ‘‘accomodato’’, le pensiline troppo corte ad ospitare tutti i pendolari (crocieristi e non) che affollano i binari a mattina e sera e che sperano che, almeno per una volta il treno che li condurrà a lavoro o a casa, arrivi in orario. Consci che non sarà così e che ancora una volta saranno costretti a fare i conti con la pioggia battente (come è accaduto spesso durante queste settimane di rigido inverno) e con il sole cocente (come invece già sperimentato questa estate). Per non parlare poi delle mille difficoltà per i crocieristi costretti a trascinare su e giù per le scale le loro enormi valige. Senza parlare poi di chi, ormai non più nel fior fiore dei propri anni vede quelle scale come una delle più grandi sfide da affrontare.
I pendolari non possono far altro che riporre le loro speranze ore solo in una certezza: il 2013 è appena iniziato e di tempo, per il mantenimento della promessa ancora ne avanza. Sempre che qualcuno si ricordi di quanto annunciato tre mesi fa.

ULTIME NEWS