Pubblicato il

"Il comune si costituisca parte civile"

"Il comune si costituisca parte civile"

Il coordinamento delle associazioni ambientaliste lo ha chiesto al sindaco relativamente al processo per i rifiuti pericolosi scaricati in un'area di Torrenord

CIVITAVECCHIA – Il 18 febbraio prossimo è fissata, presso il Tribunale di Civitavecchia, la prima udienza del procedimento penale a carico di dipendenti Enel e di alcune ditte dell’indotto. Secondo la Procura della Repubblica gli imputati hanno accumulato rifiuti pericolosi e non, senza alcuna autorizzazione, in un’area subaffittata ad Enel e limitrofa alla centrale di TVN. In questi comportamenti sono stati ravvisate violazioni delle leggi in vigore che tutelano l’ambiente e la salute dei cittadini di cui il Sindaco dovrebbe essere il principale garante. Al fine di vedere risarciti i danni causati da queste condotte illecite e di veder bonificate le aree interessate dai danni, il Coordinamento delle Associazioni ambientaliste di Civitavecchia ha inviato una lettera al Sindaco di Civitavecchia, agli assessori e ai consiglieri, in cui chiede che l’Amministrazione comunale si costituisca parte civile nel procedimento, ritenendo indispensabile che, nei rapporti con ENEL, sia ben definita la posizione dell’Amministrazione e di tutta la città: “la salute e la sicurezza dei cittadini – dicono i comitati – sono al primo posto e non possono essere derogati ad alcun tipo di interesse”.

ULTIME NEWS