Pubblicato il

Deleghe al Comune, i grillini perdono pezzi

Deleghe al Comune, i grillini perdono pezzi

CIVITAVECCHIA – Il Movimento di Beppe Grillo perde “stelle”. Il grillino Andrea Palmieri ha deciso di abbandonare il Movimento per entrare a far parte, prima del Comitato Senza Paura, poi della “squadra” del sindaco Tidei, con una delega sulla trasparenza. Ad annunciarlo è stato proprio il primo cittadino che questa mattina ha ufficializzato la consegna della delega a Palmieri: “Il Movimento 5 Stelle non prende deleghe – ha spiegato – motivo per cui sono dovuto uscire dal Movimento per aderire al Comitato Senza Paura di cui sostengo i progetti”. Obiettivo della delegata ricevuta dal Sindaco: “Ricostituire quel filo diretto tra amministrazione e cittadini, rendendo il più trasparente possibile – ha spiegato Tidei – l’operato dell’amministrazione comunale”. E così i bandi, gli affidamenti degli incarichi e qualsiasi altro atto approvato dall’amministrazione Tidei sarà messo online per far sì che i civitavecchiesi possano conoscere nel dettaglio cosa avviene tra le mura di palazzo del Pincio. “Vogliamo seguire l’esempio del Comune di Firenze – ha aggiunto Palmieri – che già da tempo applica la legge sulla trasparenza”. E a ricevere una delega da parte del primo cittadino è stato anche Francesco Fortunato, anche lui del Comitato Senza Paura. A lui va la delega Bandiera blu. Obiettivo: “Far sì che Civitavecchia attraverso interventi strutturali riesca a ottenere il riconoscimento FEE così da poter uscire finalmente dalla mentalità Enel-Porto”. E per arrivare al riconoscimento la strada non è semplice. Si dovranno differenziare bene i rifiuti, per cercare di superare la soglia del 15%. Si dovrà rivedere l’intero sistema fognario, riqualificare i fossi e i depuratori “per ottenere un tratto di mare pulito” che Fortunato ha individuato davanti alla Marina. “Non si tratta di un compito semplice. Prima di decidere il da farsi ed elaborare un piano di interventi, occorre prendere visione di tutta la documentazione necessaria e la collaborazione – ha aggiunto Fortunato – tra l’assessorato ai Lavori Pubblici, l’assessorato all’Ambiente è veramente indispensabile. Si conta di raggiungere l’obiettivo entro un paio di anni, al massimo tre”.

ULTIME NEWS