Pubblicato il

Due epigrafi valorizzate dalla Fondazione Cariciv

di GAIA SALADINI

CIVITAVECCHIA – Due importanti epigrafi cittadine tornano a splendere. Le storiche iscrizioni che sovrastano rispettivamente l’ingresso del Museo Archeologico Nazionale di Largo Plebiscito e il muro perimetrale dell’Infermeria Presidiaria di Via Delle Vecchie Mura sono state infatti restaurate grazie ad un’iniziativa dell’associazione culturale Il Trittico, finanziata dalla Fondazione Cariciv. «Queste due targhe – ha spiegato Francesco Castriota, presidente dell’associazione – hanno un grande valore storico e culturale, poiché sono la testimonianza di due importanti iniziative avvenute in città nel 1688 e nel 1764 riguardanti il miglioramento della condizione sanitaria e l’espansione cittadina all’esterno delle vecchie mura. Voglio ringraziare – ha continuato – la Fondazione Cariciv, instancabile promotrice di tanti progetti culturali, che ci ha permesso di concludere con successo questa operazione. Ringrazio poi tutti gli altri collaboratori, tra cui la ditta Sicoi di Tolfa che ha fornito i ponteggi, i due architetti Enza Evangelista ed Ermanno Mencarelli, lo studio Roberto Ercolani di Tarquinia e l’Associazione Cinematografica Civitavecchia. Infine, voglio ringraziare per il prezioso aiuto anche Cesare Marletta, le soprintendenze ai Beni Culturali e l’Amministrazione Comunale». Soddisfatto il presidente della Fondazione Cariciv, Vincenzo Cacciaglia, che ha concluso: «Come Fondazione siamo da sempre sensibili al settore culturale e disponibili a collaborare per opere in grado di lasciare il segno. La memoria storica di una città è uno dei primi elementi da salvaguardare per non dimenticare le proprie origini, per questo dobbiamo continuare a promuovere queste azioni con sempre maggiori sinergie territoriali. Civitavecchia possiede un grande e importante passato, recuperarlo e conservarlo significa permettere alla città di rinascere e di essere apprezzata ancora di più non solo dai cittadini ma anche dai turisti».

ULTIME NEWS