Pubblicato il

Marina, la determina non esiste

CIVITAVECCHIA – Ancora non c’è traccia a palazzo del Pincio di quella determina che il dirigente avrebbe dovuto firmare per approvare il debito fuori bilancio riguardante la Marina. Circa 20 mila euro di multa da pagare alla Regione Lazio per sanare l’abuso e ricevere il nulla osta che consentirebbe l’apertura della Marina. Opera ormai terminata. Con i locali finalmente tombati e in attesa solo dell’apposizione del corrimano da posizione sopra la ringhiera. «Non vedo ancora i risultati promessi dal Sindaco – tuona il delegato agli affari legali del Comune, Fabrizio Lungarini – il dirigente non risponde alle attese politiche». Un dirigente a cui è stato ordinato più volte di stilare quel documento e apporre la firma necessaria a sbloccare una volta per tutte l’opera. Un dirigente che con quella firma ammetterebbe che l’abuso effettivamente c’è stato e che rischierebbe di dover comparire davanti alla Corte dei Conti pagando in prima persona quella multa salata. «Chi ha sbagliato paghi. Qui non si tratta solo di 20 mila euro per sanare un abuso, ma di milioni di euro spesi per un’opera ancora bloccata». Ed è proprio di questo «che i civitavecchiesi chiedono conto alla nostra amministrazione». E avvisa: «Se il problema si vuole risolvere in altro modo io – conclude Lungarini – mi opporrò fermamente».
So.Be.

ULTIME NEWS