Pubblicato il

Cantiere Sat allagato lungo l’Aurelia

Tarquinia. La lista civica Spazio Aperto critica i lavori in atto per la realizzazione dell’autostrada «La A12 avrà l’impatto di un enorme diga di 25 km esposta ad alluvioni»

Tarquinia. La lista civica Spazio Aperto critica i lavori in atto per la realizzazione dell’autostrada «La A12 avrà l’impatto di un enorme diga di 25 km esposta ad alluvioni»

TARQUINIA – Cantiere Sat allagato lungo l’Aurelia, prende la parola la lista civica Spazio Aperto.  “La Sat, ovvero quelli che dovrebbero realizzare l’autostrada – dicono da Spazio Aperto – è intervenuta più volte nel tentativo di risolvere il problema dell’acqua, che ha inondato il suo cantiere allestito a Tarquinia vicino al fiume Mignone. Ma non c’è niente da fare, il piazzale costruito a ottobre è a tutt’oggi pieno di pozze e fango ed ha quell’aspetto miserabile che può avere un’opera appena finita già piena di rattoppi”. “Miserabile – dicono da Spazio Aperto – è anche il fossatello scavato per buona parte della lunghezza all’interno del cantiere, nella speranza di drenare quanta più acqua possibile. Miserabile è il fossetto costruito all’esterno dell’area, lasciando un varco aperto nell’argine di protezione (sic!), tanta è la paura che si ripeta lo spettacolo indegno di vedere uno stagno pieno di uccelli sguazzanti, come a novembre e dicembre”. “Indigna – dicono ancora dalla lista civica – pensare che degli incapaci, che non hanno saputo preparare in sicurezza il proprio cantiere e lo hanno collocato dove non andava costruito, dovrebbero realizzare un’opera che nel territorio di Tarquinia, delicatissimo e fragilissimo dal punto di vista idrogeologico, avrà l’impatto di un’enorme diga di 25 km, esposta ad alluvioni che nel tempo aumenteranno d’intensità, stando ai meteorologi. Quel cantiere è l’immagine dell’Italia della casta e la A12 è un’autostrada della casta, che governanti compiacenti hanno illegittimamente assegnato alla Sat, una società totalmente privata, di cui lo Stato sta tollerando, ignorando principi elementari di buona amministrazione, il pubblico conflitto d’interessi del suo presidente-commissario-governativo. Per il nostro territorio e per tutti gli italiani che la pagheranno cara con pedaggi salati, la A12 è un enorme “sòla” perché nasconde (ma non troppo) il furto dell’Aurelia a noi sottratta e regalata alla Sat, che grazie al silenzio anche del nostro sindaco ci farà pagare un pedaggio per usarla; la A12 è un’opera inutile, in grado di coagulare gli interessi incrociati delle cooperative rosse con quelli di un palazzinaro romano e con quelli di una banca semifallita classificata spazzatura dalle agenzie internazionali. Insomma, continua la storia italica di un gran numero di parassiti di destra e di sinistra, che dicono di fare politica ma in realtà vivono alla faccia nostra accumulando soldi in qualche paradiso fiscale”. (a.r.)

 

ULTIME NEWS