Pubblicato il

Chiesto il giudizio per Ciogli

Chiesto il giudizio per Ciogli

L’attuale amministratore di Città Pulita accusato di tentata concussione. I pm Lorenzo Del Giudice e Alessandro Gentile hanno inviato la richiesta al giudice per le indagini preliminari, che ora dovrà decidere se accoglierla

CIVITAVECCHIA – La procura della Repubblica di Civitavecchia ha chiesto il rinvio a giudizio per Gino Ciogli, amministratore di Città Pulita, per tentata concussione. Il caso risale a quando Ciogli ricopriva la carica di sindaco di Cerveteri, quando, secondo l’ipotesi accusatoria dei sostituti procuratori Lorenzo Del Giudice e Alessandro Gentile, che hanno coordinato l’indagine, l’attuale amministratore di Città Pulita avrebbe intascato una mazzetta da 100mila euro per far sì che il comune autorizzasse pareri di regolarità tecnica su un piano di lottizzazione di iniziativa privata. Oltre che per Ciogli, i due pm hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio anche per l’ex presidente del consiglio comunale di Cerveteri ed attuale consigliere comunale Lambreto Ramazzotti, Antonio Galosi, ex consigliere del Partito Democratico, Franco Granata, tecnico dell’ufficio urbanistica del comune di Cerveteri e Raffaele Autullo, ex assessore all’urbanistica del comune di Ladispoli. sarebbe proprio quest’ultimo ad aver fatto da intermediari per conto di Ciogli. La richiesta di rinvio a giudizio, sembra aggravare la posizione dell’amministratore di Città Pulita, dopo che il sindaco Tidei aveva più volte sottolineato di voler compiere un’opera di moralizzazione su chi ricopre questi incarichi. E’ probabile però che Tidei attenderà la decisione del gip, prima di decidere di rimuovere Ciogli dal suo incarico.

ULTIME NEWS