Pubblicato il

Centrale biogas, i cittadini: "Ci hanno lasciati soli"

CERVETERI – Si sentono sempre più soli i cittadini del Sasso. Gli stessi che da mesi lottano per contrastare la nascita di una centrale a biogas sul proprio territorio. Questa è la sensazione emersa durante la riunione di lunedì sera. «La sensazione – racconta un cittadino – è quella di essere stati lasciati soli, soli a combattere» contro quell’imprenditore che vuole realizzare la centrale a Pian della Carlotta, al neo presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti «che ha già dichiarato di essere a favore della centrale criminale che stanno costruendo», e contro il sindaco Pascucci che «a distanza di quasi un anno da quelle elezioni ha migliorato la sua capacità dialettica» con il risultato che ora «riesce meglio a dire, dribblare, smentire, conciliare, provocare, sedurre, irretire, tagliare e cucire». E così, per i cittadini del Sasso, ora «sarà più facile nascondere le intenzioni reali, sopravvivere al problema senza risolverlo, decidere di non decidere, abbandonare il problema a una eutanasia implicita o, a una lenta sepoltura nel silenzio». Tutto mentre a Pian della Carlotta «si continuano a tagliare alberi e a colare cemento, per costruire un mostro tossico in spregio alla salute dei nostri figli».

ULTIME NEWS