Pubblicato il

Appartamenti fai-da-te, imprenditore denunciato dai Carabinieri

Un imprenditore 55enne ha creato su un terreno un complesso residenziale abusivo. Sequestrato il casale in via Fontanatetta da cui aveva ricavato 18 unità immobiliari

Un imprenditore 55enne ha creato su un terreno un complesso residenziale abusivo. Sequestrato il casale in via Fontanatetta da cui aveva ricavato 18 unità immobiliari

CIVITAVECCHIA – Abusivismo edilizio, usurpazione di immobili ed invasione di terreni: questi i reati per i quali è stato denunciato il 55enne civitavecchiese L.C. I carabinieri hanno infatti scoperto una sorta di quartiere creato proprio dall’uomo su un fondo agricolo di proprietà dell’Arsial, in via Fontanatetta. Un’area di circa 7 mila mq adibita a complesso residenziale, abusivo, composto da 18 mini appartamenti ceduti in locazione ad ignari dipendenti della centrale Enel di Torrevaldaliga Nord, per lo più stranieri, che trovavano conveniente il posto, vicino alla cantiere e a prezzi comunque accessibili: si parla di 300/400 euro al mese. Il civitavecchiese aveva approfittato dello stato di abbandono in cui versava il terreno e si era praticamente appropriato del casolare rurale presente, comprensivo di 6 stalle, per modificarne lo stato d’uso costruendo senza le prescritte autorizzazioni ed osservanza delle normative igienico sanitarie i 18 mini appartamenti. La notte scorsa è scattato il blitz da parte dei carabinieri. Per il novello imprenditore, che aveva dotato l’area anche di apposita segnaletica, compresa quella stradale, è scattata la denuncia in stato di libertà per usurpazione di immobile, realizzazione di opere abusive, invasione di terreni ed edifici nonché violazione e modifica dello stato d’uso degli immobili e delle normative igienico sanitarie ed ambientali. Il terreno, l’intero casale e gli appartamenti illecitamente costruiti, per un valore complessivo di 800 mila euro, sono stati posti sotto sequestro.

ULTIME NEWS