Pubblicato il

Ater e Pincio, pieno accordo sui controlli della GdF

Il presidente Di Ludovico ha condiviso la scelta del primo cittadino che ha chiesto alle Fiamme Gialle di fare accertamenti sul reddito degli assegantari Durante l’incontro pubblico con i sindacati degli inquilini, sono state affrontate diverse problematiche come l’occupazione abusiva di alcune case popolari e la fatiscenza di numerosi alloggi. Nessuna convergenza sulla vendita di appartamenti al De Sanctis, Moscherini: «Prima andrebbero ristrutturati»

Il presidente Di Ludovico ha condiviso la scelta del primo cittadino che ha chiesto alle Fiamme Gialle di fare accertamenti sul reddito degli assegantari Durante l’incontro pubblico con i sindacati degli inquilini, sono state affrontate diverse problematiche come l’occupazione abusiva di alcune case popolari e la fatiscenza di numerosi alloggi. Nessuna convergenza sulla vendita di appartamenti al De Sanctis, Moscherini: «Prima andrebbero ristrutturati»

di LUCA GUERINI

CIVITAVECCHIA -Si è svolto ieri presso la sede dell’associazione culturale ‘‘Civitavecchia Insieme’’ l’incontro tra gli abitanti delle case popolari e i sindacati degli inquilini. La riunione, fortemente voluta dal presidente dell’Ater Gianfranco Di Ludovico, è stata proposta a seguito dei numerosi interventi apparsi sulla stampa locale riguardo alle condizione degli stabili. La diatriba si muove su due fronti, e vede a tratti contrapposti il presidente dell’Ater Gianfranco Di Ludovico e il Sindaco Gianni Moscherini. Quest’ultimo ha partecipato alla riunione, ascoltando le numerose segnalazioni giunte dai cittadini, che in questi anni hanno cercato di vedere riconosciuti i propri diritti, con l’ottenimento di un appartamento popolare. Il primo cittadino ha fatto sapere che è stato costituito un comitato a norma di legge solo tre giorni fa e che le categorie sindacali non sono state scelte dagli abitanti dell’edilizia popolare. Di Ludovico, anch’egli presente, ha sottolineato il gran numero di occupazioni abusive di alloggi e di relative denunce presentate all’Autorità giudiziaria, ribadendo la propria contrarietà a gesti poco leciti. I sindacati degli inquilini, rappresentati da Nicola Castrista, si sono detti disponibili a svolgere lavoro di mediazione sia con il Sindaco sia con il presidente dell’Ater, alla luce della forte emergenza case che sta interessando la città di Civitavecchia. L’Ater infatti avrebbe trovato una soluzione con la vendita di alcuni stabili agli assegnatari e dando il via ad un processo ATERinnovativo che permetterebbe di costruire nuovi palazzi. «Il nostro interesse è quello di creare una sinergia tra Ater, Comune e abitanti – ha fatto sapere Gianfranco Di Ludovico – ma soprattutto – come auspicato anche da Gianni Moscherini – con le forze dell’ordine, al fine di scovare tutti gli inquilini non aventi più diritto, per evitare così il problema dell’occupazione abusiva non appena vengano liberati gli appartamenti». Un fragile punto d’accordo quindi tra Moscherini e Di Ludovico, che potrebbe essere il primo passo per un proficuo rapporto. «Sono disposto ad aprire un tavolo di lavoro nel quale le varie posizioni siano esaminate – ha aggiunto il presidente – ma il Comune mi deve permettere di capitalizzare, ossia di vendere gli attuali immobili per dare a tutti le stesse opportunità». Il piano dell’Ater prevedrebbe la costruzione di altri duecento appartamenti, i quali verrebbero successivamente distribuiti secondo graduatoria. <

ULTIME NEWS