Pubblicato il

Balloni: &laquo;La vicenda Cerasa &egrave; vergognosa&raquo; <br />

Il leader del Polo Civico condanna il tentativo di insabbiare il caso dei rimborsi alla società Euroconsulting e attacca le istituzioni

Il leader del Polo Civico condanna il tentativo di insabbiare il caso dei rimborsi alla società Euroconsulting e attacca le istituzioni

CIVITAVECCHIA – «La vicenda riguardante il caso Cerasa è vergognosa, sembra una sceneggiata napoletana». Esordisce in questo modo Alvaro Balloni (Polo Civico), commentando i retroscena legati ai rimborsi Euroconsulting. Il Consigliere Comunale afferma che la mancata sintesi sui fatti che riguardano l’ex presidente del Consiglio dell’Amministrazione Saladini, Tiziano Cerasa, offenderebbe i cittadini «E’ scorretto nei confronti di quei contribuenti – ha affermato – che in questo modo non sapranno mai se i loro soldi vengono spesi in maniera corretta». Un’uscita al quanto dura quella di Balloni, che non risparmia le figure istituzionali del Pincio. Parte dal segretario generale Luigi Annibali: «Se la sua relazione veramente esiste – ha fatto sapere – proprio non capisco come mai nessuno ne prende atto in modo concreto». Aggiunge altro: «Se qualcuno ha in mano dei pezzi di carta compromettenti deve agire, non è un problema politico, nessuno di noi ha facoltà di fare sconti di pena a nessuno». Fendenti anche al presidente del Consiglio Comunale Franco Cappellani: «Sbaglia a dire di essere super partes – ha aggiunto Balloni – lui è il garante della democrazia e delle regole ed ha il dovere di intervenire senza nascondersi». Afferma inoltre che sarebbe il caso di domandare una volta per tutte un parere tecnico all’ufficio avvocatura del Comune: «Cappellani con le sue omissioni non sta certo tutelando l’immagine del Consiglio Comunale. Non è giustizialismo – ha concluso – tant’è vero che se i fatti dovessero smentirci, abbiamo il dovere di presentare le nonstre scuse a Tiziano Cerasa». Alvaro Balloni comunica quindi la sua intenzioni scrivere al sindaco e a Cappellani per domandare formalmente dei chiarimenti.

ULTIME NEWS