Pubblicato il

Bilancio, un dibattito piatto

Ieri la prima giornata dedicata alla discussione sui conti del Pincio. L’assessore Monti: "Adottata la regola del buon padre di famiglia". La manovra rispetto al 2007 punta sull’abbattimento della spesa corrente e sull’incremento degli investimenti per le opere infrastrutturali: + 370,37% il progresso. Debito ridotto di 7 milioni. Presentato un solo emendamento, dal socialista Gaglione

Ieri la prima giornata dedicata alla discussione sui conti del Pincio. L’assessore Monti: "Adottata la regola del buon padre di famiglia". La manovra rispetto al 2007 punta sull’abbattimento della spesa corrente e sull’incremento degli investimenti per le opere infrastrutturali: + 370,37% il progresso. Debito ridotto di 7 milioni. Presentato un solo emendamento, dal socialista Gaglione

CIVITAVECCHIA – Prima giornata di consiglio comunale riguardante la discussione sul bilancio, introdotta dalla surroga in casa Prc, con Gino De Paolis eletto al consiglio provinciale che lascia il posto a Roberto Bonomi. L’assessore Pasqualino Monti ha illustrato ieri mattina in aula la sua relazione, parlando di una politica impostata sull’abbattimento del debito, che sarebbe sceso da 83 a 76 milioni di euro, nonostante la riduzione delle entrate, inferiori di 13 milioni di euro rispetto al 2007. «Non si vogliono e non si possono in questa sede nascondere le difficoltà incontrate nella predisposizione del bilancio – ha dichiarato Monti – derivati in particolare da un considerevole livello di spese correnti consolidate nel corso degli anni e in buona parte insopprimibili, nonché dal venir meno di alcuni cespiti di entrata aventi carattere non ricorretti». Mancano all’appello infatti 13 milioni 113 mila euro che lo scorso anno costituirono l’incasso legato all’entrata Ici sui fabbricati di categoria D, il CONSIGLIOcontributo della convenzione Enel e il differenziale swap. In particolare, stando alle parole dell’assessore Monti, il bilancio 2008 rispetto a quello dell’anno precedente conterebbe un + 55,44% complessivo sulle entrate tributarie, da trasferimenti correnti ed entrate extra tributarie (negativo il trend per queste due voci, ndr), da trasferimenti per conto capitale e da accensione prestiti. Riscontrato inoltre un congelamento temporaneo delle proposte di Peg avanzate dai vari dirigenti: il livello di spese correnti del bilancio di previsione 2008 è inferiore di oltre 8 milioni di euro rispetto alla corrispondente voce del 2007. Il risparmio si è concentrato essenzialmente sugli acquisti di beni e sulle forniture di servizi di carattere non obbligatorio, mentre non sono state toccate le spese di personale, le rate di ammortamento dei prestiti in essere, le imposte e tasse e i canoni di locazione. Pasqualino Monti ha inoltre riferito di una particolare attenzione nei confronti della parte in conto capitale: «Nel finanziare gli interventi previsti nel piano annuale delle opere pubbliche – ha chiarito – abbiamo fatto ricorso a contributi degli interventi sovraordinati: Stato, Regione e Provincia». Ha quindi parlato di conseguenze positive sulla situazione delle casse comunali: «Come è noto – ha spiegato Monti – il sistema di tesoreria unica è particolarmente penalizzante per gli enti come il Comune di civitavecchia. La situazione di tali enti – ha proseguito l’assessore – è tale per cui anche in presenza di forti crediti nei confronti dello stato a titolo di trasferimenti erariali, i fondi non CONSIGLIOvengono erogati fino a che il saldo in Banca d’Italia non scende al di sotto del limite di giacenza previsto dalla normativa vigente. Una manovra che non tiene conto del ricavato della convenzione Enel, ma che nel complesso è stata definita “del buon padre di famiglia”, trovando d’accordo il sindaco Gianni Moscherini, che ha giustificato i ritardi parlando di strategia tecnica, finalizzata al conseguimento di importanti risultati. L’opposizione da canto suo apprezza il regime restrittivo del Bilancio, contestando però con Marietta Tidei e Marco Piendibene la mancanza di impronte politiche all’interno delle decisioni prese. Nessun accenno all’emendamento proposto dal socialista Vincenzo Gaglione, mentre va registrata un allontanamento dai banchi del gruppo di Alleanza Nazionale.

ULTIME NEWS