Pubblicato il

Bollette dell’acqua per migliaia di euro

Santa Marinella. Non è stato risolto l’annoso problema che sta scatenando il dibattito politico nella Perla La minoranza attacca unita: «Siamo insoddisfatti delle risposte del sindaco. Perché l’amministrazione non pretende maggiore efficienza nel servizio? Ci sembra necessario approfondire la questione anche in nostra presenza, nell’ambito di un confronto con Acea Ato2 per discutere dei numerosi disservizi»

Santa Marinella. Non è stato risolto l’annoso problema che sta scatenando il dibattito politico nella Perla La minoranza attacca unita: «Siamo insoddisfatti delle risposte del sindaco. Perché l’amministrazione non pretende maggiore efficienza nel servizio? Ci sembra necessario approfondire la questione anche in nostra presenza, nell’ambito di un confronto con Acea Ato2 per discutere dei numerosi disservizi»

CONTATOREdi ALESSANDRO D’ALESSIO

SANTA MARINELLA – L’annosa questione della bollette dell’acqua torna alla ribalta del dibattito politico cittadino. E’ da molto tempo infatti, che agli abitanti della Perla pervengono delle fatturazioni in cui vengono chiesti importi di migliaia di euro, anche in caso di appartamenti piccoli e famiglie di pochi componenti, anche a causa del fatto che la società Acea, negli ultimi anni, non ha emesso regolari bollette con scadenza periodica. Ciò ha fatto sì che c’è stato un vero e proprio accumulo negli anni di bollette non emesse e non pagate. Ed ecco che arrivano conti da migliaia di euro.
A seguito delle numerose proteste dei cittadini, che all’improvviso si sono visti ingiunzioni di pagamento così gravose, l’opposizione aveva presentato una interrogazione congiunta al sindaco, al fine di risolvere la questione, ma a quanto pare, la risposta non è stata soddisfacente. «Nel merito, – commentano gli esponenti della minoranza – il sindaco si è limitato a dire che «anche se gli importi in alcuni casi sono notevoli, da un controllo a campione effettuato su alcune fatture, non abbiamo avuto modo di rilevare particolari errori. Come consiglieri delle tre liste di minoranza, Sviluppo Democratico, Mucciola Sindaco e Un’altra città è possibile, dichiariamo la nostra insoddisfazione per la risposta ricevuta sulla questione delle bollette Acea. Il sindaco ha replicato in modo vago e di fatto sposando completamente le scelte di Acea Ato2, che nei mesi scorsi ha inviato bollette in molti casi salatissime e a nostro parere ingiustificate. Il sindaco «non ha avuto modo di rilevare particolari errori», ma del resto nel caso di un guasto ad una tubatura la stessa società impiega giorni per la riparazione: quando l’amministrazione di Santa Marinella pretenderà maggiore efficienza nel servizio? Per questo abbiamo chiesto al sindaco di convocare gli organi dirigenziali di Ato2 spa ad un incontro in nostra presenza, insieme a quella degli uffici competenti e degli organi amministrativi, per discutere dei numerosi disservizi riscontrati in questo periodo di gestione. Se il sindaco non ci ha voluto vedere chiaro lasciando correre, a noi sembra al contrario necessario approfondire ancora la questione». La vicenda conferma ancora una volta come il cittadino sia spesso solo davanti agli abusi – concludono i consiglieri comunali – Acea non riesce ad inviare regolari bollette per anni e poi gli utenti devono pagare senza essere difesi da nessuno».

ULTIME NEWS