Pubblicato il

Capitani: "L'arbitro non ha fatto nulla"

DAVIDECIVITAVECCHIA – «Non ho aggredito nessuno». Così l’arbitro di pallanuoto che avrebbe colpito uno spettatore al termine della partita tra le giovanili Ipertecnica Centumcellae e Tirrenia allo Stadio del Nuoto si è difeso per voce del proprio legale, l’avvocato Davide Capitani. A lui si è rivolto dopo l’episodio che lo ha visto coinvolto, suo malgrado. «Non è andata così – ha spiegato il legale – la versione dei fatti è completamente rovesciata. Il mio assistito non ha picchiato nessuno ma anzi è stato aggredito dal ragazzo e dal padre. L’episodio non è sfociato in nulla di grave, ma da qui a passare per l’aggressore ce ne corre». L’arbitro, a detta poi dello stesso avvocato Capitani, avrebbe dalla sua la testimonianza degli altri ufficiali di gara presenti all’incontro. Prendiamo atto della posizione dell’avvocato Capitani. Non spetta al giornale giudicare di chi siano colpe e ragioni. Ci limitiamo a registrare i fatti che parlano di un giovane tifoso che ha dovuto ricorrere alle cure dei medici del San Paolo, ricevendo 10 giorni di prognosi per trauma cranico, innalzamento della pressione ed escoriazioni sul collo e sul gomito e di una storia raccontata da decine di testimoni.

ULTIME NEWS