Pubblicato il

Case, dalla Pisana piovono fondi

Via libera della Regione al programma di edilizia agevolata: saranno realizzati 5.422 nuovi alloggi nel Lazio con un finanziamento di oltre 73 milioni di euroI soldi sono destinati alle imprese edili e alle cooperative che dopo aver costruito potranno rivendere a prezzi agevolati Si costruirà anche a Tarquinia, Santa Marinella, Tolfa, Cerveteri, Fiumicino e Civitavecchia

Via libera della Regione al programma di edilizia agevolata: saranno realizzati 5.422 nuovi alloggi nel Lazio con un finanziamento di oltre 73 milioni di euroI soldi sono destinati alle imprese edili e alle cooperative che dopo aver costruito potranno rivendere a prezzi agevolati Si costruirà anche a Tarquinia, Santa Marinella, Tolfa, Cerveteri, Fiumicino e Civitavecchia

La giunta regionale ha approvato ieri un programma di edilizia residenziale agevolata che, grazie a un finanziamento totale di oltre 73 milioni di euro, consentirà la realizzazione di 5.422 nuovi alloggi in tutto il Lazio. I fondi sono destinati a imprese edili e cooperative che potranno così costruire case, consentendone l’acquisto a prezzi inferiori a quelli di mercato da parte di persone che hanno difficoltà ad accedere al credito. In media, una casa di 100 metri quadrati sarà sul mercato ad un prezzo di 200mila euro. In provincia di Roma la Pisana a destinato 26.460.000 euro, per 1.960 nuovi alloggi realizzati da 106 operatori; in provincia di Latina, 17.293.500 di euro per 1.281 nuovi alloggi realizzati da 62 operatori; in provincia di Frosinone 11.488.500 euro per 851 nuovi alloggi realizzati da 50 operatori; in provincia di Viterbo 9.828.000 euro per 728 alloggi realizzati da 37 operatori; in provincia di Rieti 8.127.000 euro per 602 alloggi realizzati da 29 operatori. Per quanto riguarda la provincia di Roma si costruirà nei territori di 29 comuni tra i quali anche Santa Marinella, Tolfa, Cerveteri, Fiumicino e Civitavecchia. In provincia di Viterbo, si costruirà invece in undici comuni, tra i quali figura anche la cittadina di Tarquinia. La Regione ha anche previsto – nei comuni sui quali non si può attuare il piano nell’immediato per mancanza di aree disponibili -, di aprire la conferenza dei servizi entro i 13 mesi seguenti la pubblicazione della delibera di finanziamento, per individuare accordi di programma atti a localizzare spazi idonei. Il programma di edilizia agevolata è stato reso possibile grazie all’utilizzo di mutui agevolati e contributi regionali, a favore delle cooperative ed imprese di costruzione: un intervento regionale idoneo a determinare un volume cospicuo di investimenti. «L’obiettivo di questa amministrazione – ha spiegato l’assessore ai Lavori pubblici, Bruno Astorre – è stato quello di incentivare, da una parte il maggiore volume di produzione edilizia e, dall’altra, attraverso la concessione di contributi pubblici favorire l’accesso alla casa per le famiglie meno abbienti, naturalmente al minor costo possibile. Sono stati finanziati tutti i progetti abitativi indirizzati ad appartenenti alle forze dell’ordine e alle forze armate che, come previsto dalla norma, usufruiscono di una quota percentuale riservata».
«Un ingente sforzo finanziario che porterà una boccata d’ossigeno alle famiglie e alle imprese del Lazio, favorendo l’indotto e l’economia», spiega Giuseppe Parroncini, capogruppo del Pd al consiglio regionale del Lazio.

ULTIME NEWS