Pubblicato il

Ceppolino: "Manca un centro di primo soccorso per i lavoratori portuali"

CEPPOLINOCIVITAVECCHIA – Si è aperta con un minuto di silenzio in ricordo delle due vittime dello scalo marittimo di Marghera l’assemblea dei lavoratori portuali convocata lunedì mattina da Cigl, Cisl e Uil a Molo Vespucci per fare il punto sulla sicurezza sul lavoro nello scalo cittadino. Per tutta la giornata, inoltre, ogni fine turno si sono svolte due ore di sciopero. «Civitavecchia finora ha avuto molta fortuna – ha detto Luciana Ceppolino, segretaria della Filt Cgil – a non avere grossi incidenti e incidenti mortali. Nei porti non si muore solo per quello, ma anche per malattie professionali, e qui ce ne sono molte: malattie dell’apparato respiratorio derivate dalle polveri del ferro, ferro-cromo, amianto, carbone, esplosivi». A tal proposito la Ceppolino denuncia l’assenza di un centro di primo soccorso, «richiesto a più riprese – ha detto – da sindacati e imprese portuali, ma mai attivato». e chiede che i corsi di formazione sulla sicurezza vengano estesi anche ai lavoratori delle 18 imprese attive nel porto, oltre che agli interinali e ai soci della compagnia portuale.

ULTIME NEWS