Pubblicato il

Conservificio, lavoratori ancora in mobilità

Tarquinia. Intanto si lavora per la riapertura nel 2009

Tarquinia. Intanto si lavora per la riapertura nel 2009

TARQUINIA – Ancora in difficoltà gli ex lavoratori del Conservificio di Tarquinia che attendono ormai da due anni di essere riassunti presso uno stabilimento Arsial. Sullo stabilimento per la trasformazione del pomodoro chiuso dal 2005 è ancora polemica. A sollevarla è Carlo Proietti della Flai Cgil che chiede un incontro interlocutore con Provincia e Regione in tempi brevi altrimenti annuncia azioni eclatanti. «Ai lavoratori stagionali – spiega Proietti non sono ancora arrivati i fondi promessi nell’ambito del protocollo d’intesa. Si tratta di 200mila euro che la regione e la Provincia si rimpallano a vicenda. La Regione dice di averli già erogati alla Provincia, che a sua volta però dichiara di averli ricevuti per i lavori socialmente utili e non per il pomodorificio di Tarquinia». La questione è che non è stato ancora rispettato il protocollo d’intesa del maggio 2006 che prevedeva la costituzione di una nuova filiera produttiva entro dicembre 2006. Ciò non solo non è avvenuto ma il riassorbimento per i 4 dipendenti fissi e messi in mobilità presso altri impianti Arsial non è mai avvenuto. «O si va ad un incontro risultivo entro pochi giorni – diceProietti – oppure noi percorremo tutte le strade possibili anche con forme di protesta». Il sindaco di tarquinia dal canto suo sulla riapertura dello stabilimento sta lavorando a spron battuto: «Stiamo spingendo al massimo affinché sia garantita la riapertura nel 2009. In settimana è previsto un incontro proprio a questo scopo».
Ale.Ro.

ULTIME NEWS