Pubblicato il

Credito al consumo, record di pratiche respinte

Giro di vite di banche e finanziarie di fronte al moltiplicarsi delle richieste di finanziamento da parte dei clienti. Al primo posto l’acquisto dell’auto e la ristrutturazione della casa mentre c’è chi ricorre agli istituti anche per una vacanza. Gli esperti precisano: «Molti utilizzano male lo strumento del prestito, troppo forte il rischio di indebitamenti inestinguibili»

Giro di vite di banche e finanziarie di fronte al moltiplicarsi delle richieste di finanziamento da parte dei clienti. Al primo posto l’acquisto dell’auto e la ristrutturazione della casa mentre c’è chi ricorre agli istituti anche per una vacanza. Gli esperti precisano: «Molti utilizzano male lo strumento del prestito, troppo forte il rischio di indebitamenti inestinguibili»

CIVITAVECCHIA – Calano le concessioni di finanziamento di crediti al consumo, di fronte ad un indebitamento medio che negli ultimi anni ha raggiunto livelli esorbitanti. Giro di vite di banche e finanziarie, che pretendono sempre maggiori garanzie prima di concedere prestiti di qualunque tipo a coloro che ne fanno richiesta. Civitavecchia conferma il trend nazionale: si moltiplica il numero di pratiche respinte, anche di fronte ad importi da finanziare irrisori. Gli esperti parlano di moralizzazione del prestito: uno screening accurato dei rischi finanziari per evitare sorprese future. Banche e società di finanziamento, prima di concedere un credito ai propri clienti, si informano della loro solvibilità ed affidabilità: in sostanza, si accertano che questi, una volta ricevuto il prestito siano poi in grado di restituirlo senza particolari problemi. Il pericolo è sempre in agguato e basta poco per finire sulla blacklist dei cattivi pagatori. Un credito non estinto, la rata di un finanziamento corrisposta in ritardo e i Sistemi di Informazioni Creditizie (Sic) etichettano il nome del cliente. L’introduzione di norme più severe tuttavia non scoraggia la gente, che inoltra continuamente nuove richieste per accensione di mutui e finanziamenti. Parlando di credito al consumo, i ricorsi più frequenti interessano l’acquisto dell’auto, mentre al secondo posto rimane la ristrutturazione dell’abitazione. E’ ovvio che in alcuni casi è difficile valutare l’autenticità della domanda: sono molti coloro che finanziano i più disparati prodotti, fornendo dichiarazioni diverse all’ente erogante. E tra le novità sono comparse le vacanze: sempre più persone per una crociera nel mar dei Caraibi o semplicemente per un weekend in Sardegna, si indebitano fino all’orlo.

ULTIME NEWS