Pubblicato il

De Sio: «Moscherini farebbe meglio a stare zitto»

Replica al primo cittadino difendendo l’operato della vecchia Amministrazione comunale di centrodestra. «Le poche opere pubbliche che sta portando avanti sono ancora quelle avviate da me. L’incompetente non ha dato spiegazioni valide neppure sul concorso, che, norme alla mano, resta illegittimo» Sul bilancio il coordinatore azzurro si difende: «Nuovi debiti irrisori a fronte di milioni di euro di finanziamenti arrivati»

Replica al primo cittadino difendendo l’operato della vecchia Amministrazione comunale di centrodestra. «Le poche opere pubbliche che sta portando avanti sono ancora quelle avviate da me. L’incompetente non ha dato spiegazioni valide neppure sul concorso, che, norme alla mano, resta illegittimo» Sul bilancio il coordinatore azzurro si difende: «Nuovi debiti irrisori a fronte di milioni di euro di finanziamenti arrivati»

CIVITAVECCHIA – Il termine ‘‘incompetente’’ che ormai ha occupato il centro della discussione politica cittadina e che colpisce mutuamente, con effetto boomerang, il sindaco Gianni Moscherini e l’ex assessore allo Sviluppo Alessio De Sio. Questo giro il giocattolo è nelle mani del coordinatore azzurro, che dopo essere stato centrato nell’orgoglio politico-amministrativo, si appresta a rilanciarlo. «Ho fatto bene ad andarmene io, altro che cacciato dalla giunta – ha replicato De Sio alla chiave di lettura fornita dal primo cittadino – dopo un anno e mezzo di proclami la città sta aspettando ancora il suo cambiamento, mentre Moscherini spruzza veleno per nascondere la sua incompetenza». Da qui una serie di considerazioni sul lavoro portato avanti dalla precedente Amministrazione comunale di centrodestra, rispetto a quella attuale: «Moscherini sul lavoro prodotto dalla mia giunta farebbe meglio a stare zitto per non cadere nel ridicolo – ha dichiarato il forzista – le pochissime opere pubbliche che lui sta portando avanti sono ancora quelle avviate da me e da tutti coloro che facevano parte dell’Amministrazione». Alessio De Sio interviene inoltre sullo Stadio del Nuoto: «L’impianto ci viene invidiato da tutta Italia» e sul bilancio: «In quattro anni e ancora prima che firmassi l’accordo con l’Enel, ho abbassato le imposte comunali a cominciare dall’Ici. I debiti contratti sono stati pochissimi – ha proseguito – a fronte delle decine di milioni di euro di finanziamenti arrivati sul territorio». Una replica, punto per punto, alle affermazioni fatte giovedì scorso dal primo cittadino: «Inutile fare certi giochini – ha dichiarato Alessio De Sio – sono distante anni luce da Veltroni e soprattutto da uno che ha fatto campagna elettorale con Di Pietro e con Fini in contemporanea, come questo signore che sta a palazzo del Pincio». Sui debiti di cui parla il Sindaco, legati ai mobili acquistati per l’assessorato allo Sviluppo, ha chiarito: «Mi aveveva autorizzato verbalmente, poi sono stato sostituito». Quindi una considerazione sul concorso dei vigili urbani, oggetto del contendere: «Il mio concorso – ha riferito De Sio – era a tempo determinato, per cui non era necessaria la patente A». Il resto dell’intervento dell’ex Sindaco è incentrato su considerazioni politiche: «Ecco un’altra serie di figuracce dell’incompetente – ha concluso l’azzurro – sono comunque felice che Freedom, in pochissimo tempo abbia avuto tutte queste attenzioni dal signor Mocherini. Non ce lo aspettavamo».

ULTIME NEWS