Pubblicato il

Deciderà il ballottaggio

Zingaretti si ferma al 47%, Antoniozzi partirà dal 37%. A Civitavecchia il candidato del centrosinistra al 50,5%

Zingaretti si ferma al 47%, Antoniozzi partirà dal 37%. A Civitavecchia il candidato del centrosinistra al 50,5%

CIVITAVECCHIA – Servirà il ballottaggio per decidere chi sarà il nuovo Presidente della Provincia di Roma. In testa è risultato – con poco più di 500 sezioni da scutinare – il candidato del centrosinistra Nicola Zingaretti con il 47,2% dei suffragi. Il diretto avversario, il candidato del centrodestra Alfredo Antoniozzi, si è attestato al 37% dei voti. In controtendenza con il livello nazionale, alla Provincia di Roma (così come nella capitale) il candidato del centrosinistra é sostenuto anche dalla sinistra-radicale ovvero La Sinistra L’Arcobaleno. Il candidato della Destra e della Fiamma Tricolore, Teodoro Buontempo si piazza al quartoposto raggiungendo il 4,6% dei voti, subito a ridosso del candidato dell’Unione di Centro Armando Dionisi, che ha raggiunto il 4,7%. A Civitavecchia, Zingaretti ha ottenuto il 50,55% dei voti, contro il 34,74% di Antoniozzi. Dionisi 4,38%, poi Licari al 2,87%. Le consultazioni elettorali a livello nazionale, per il candidato del centrosinistra a presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti “ha inciso abbastanza” sulle elezioni provinciali, “perché ha un po’ ristretto gli spazi. E’ evidente che sulle elezioni provinciali c’é stato, nelle scelte di voto, anche molto un indotto del voto politico”. Parlando dal palco della sala stampa Zingaretti ha commentato così i dati che lo hanno visto al 47 per cento rispetto al suo sfidante del Pdl Alfredo Antoniozzi (37 per cento). Il voto nazionale, ha spiegato Zingaretti, “ha quindi inciso, per quanto ci riguarda non proprio positivamente. Malgrado questo c’é stato uno straordinario recupero e ora al ballottaggio si ricomincia”. “Siamo partiti – ha aggiunto Zingaretti – da un dato politico di ieri molto complesso, che era per la coalizione del 42-43%. I dati che ora stanno affluendo dai Comuni ci parlano anche lì di uno straordinario recupero, che può attestarci benissimo sicuramente intorno al 45-46%. E’ un fatto straordinario che conferma la forza della candidatura e la proposta messa in campo”. “La nostra forza – ha spiegato il candidato del centrosinistra – che ci fa essere ottimisti per vincere al secondo turno è una coalizione forte e cose, che dà respiro alle sue componenti e che è articolata. Presentiamo una coalizione serena che affronterà la battaglia nelle prossime due settimane. La coalizione è forte e omogenea a Roma come in Provincia. A Civitavecchia e Ardea, ad esempio, abbiamo superato il 50% mentre in comuni storicamente difficili come Anzio e Nettuno, abbiamo raccolto un consenso superiore di 10 punti percentuale rispetto al voto politico”.

ULTIME NEWS