Pubblicato il

Enrico Giaretta, nuova stella della canzone

ENRICO

di ROMINA MOSCONI

 

CIVITAVECCHIA – È civitavecchiese d’adozione e pontino di nascita il nuovo astro nascente della musica italiana, ossia Enrico Giaretta, la cui vena artistica ha spinto il grande Paolo Conte a dire: «Finalmente ho un allievo». Il cantante nostrano, che fino a tre mesi fa era un semplice pianista e aviatore, è quasi una star, visto che il cantante canadese Matt Dusk ha portato in vetta a tutte le classifiche del mondo il suo pezzo tradotto in inglese ‘‘Back in town’’. La Warner Music lo ha poi contattato e in tre mesi è cambiata la sua vita, tanto che ieri è uscito il suo primo album ‘‘Sulle ali della musica’’, che contiene 10 brani e 2 tracce video, di cui una scritta e sceneggiata da Silvio Muccino e che vede Giaretta alla guida dell’Eurofighter, cioè il caccia di ultima generazione costruito dalla Alenia Aeronautica, in compagnia dell’amico comandante Maurizio Cheli, il primo astronauta italiano in missione nello spazio sullo Shuttle, considerato un mostro sacro dell’Aeronautica. Giaretta poi è stato scelto da questa compagnia come cantante testimonial per la presentazione, in diretta mondiale dall’Italia, di questo innovativo aereo passeggeri.
L’artista è nato il 24 agosto del ‘70, si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Latina e ha girato il mondo tenendo ovunque concerti insieme al violinista e amico di sempre Olen Cesari. Giaretta ha collaborato con i maggiori artisti italiani e stranieri. di lui Franco Califano ha detto: «Pare un matto quando canta. La sua voce è pericolosa, può ferire». Giaretta è stato varie volte ospite del tour di Simone Cristicchi che si è espresso così nei suoi riguardi: «Questo album è straordinario. Un pianoforte a coda è un contenitore di racconti, film e avventure che giaretta descrive con le parole dell’anima, dell’esperienza di un vissuto antico e allo stesso tempo attuale».
Talent scout di Giaretta è la stessa che ha lanciato Conte, De Gregori e gli Avion Travel, cioè Lilli Greco. Questo nostro concittadino terrà alto il nome di Civitavecchia, che lui dice di amare molto e che porta nel cuore. Durante il festival di San Remo Giaretta sarà infatti ospite di ‘‘San Remo Off’’, la manifestazione parallela all’evento canoro, promossa dal comune ligure e dal direttore artistico dell’Ariston. Il suo video, quello cioè scritto da Muccino, sarà presentato durante una grande manifestazione.
«Adoro Civitavecchia – spiega Giaretta – fa parte di me. Il mio primo approccio alla musica è avvenuto grazie a mio nonno Cesare, che nelle pause di lavoro al porto di Civitavecchia, si divertiva a riempire bicchieri di forma e contenuto diverso e li ‘‘suonava’’. Sono ancora frastornato per le cose che mi sono capitate in poco tempo, speriamo di continuare così». Nei prossimi giorni accompagnerà i Nomadi al grande evento ‘‘IX Tributo ad Augusto Da Olio’’ che si terrà a Novellara.

ULTIME NEWS