Pubblicato il

<font size=7><font size=2>Ambiente e Lavoro interviene </font><font size=2>contro l&rsquo;ipotesi di aumento dell&rsquo;Ici</font></font>

Gabriella Rossi attacca l’Amministrazione: «La nostra ricetta è quella di tornare a una sana gestione della cosa pubblica senza esborsi pazzi»

Gabriella Rossi attacca l’Amministrazione: «La nostra ricetta è quella di tornare a una sana gestione della cosa pubblica senza esborsi pazzi»

CIVITAVECCHIA – «Il ritorno ad una buona e sana amministrazione, di rigore, priva di fronzoli e di spese allegre». Questa la ricetta per una buona gestione della cosa pubblica proposta dalla portavoce di AeL, Gabriella Rossi, che interviene in merito alle polemiche divampate nei giorni scorsi sulla proposta di aumentare l’Ici per sanare il disavanzo di 11 milioni del Comune. «A cosa è imputabile questo disavanzo? – si interroga la Rossi – Ecco che torna alla mente la “finanza creativa” che ci collocava in seria A1 e le speculazioni finanziarie di qualche tempo fa. Giungemmo fino alla Corte dei Conti per limitare i danni. I disastri sono arrivati e ora l’ Ente cerca una soluzione». Prosegue poi la Rossi, focalizzando l’attenzione su alcune scelte del Pincio legate ad esborsi di denaro, che definisce pazzi: «C’era bisogno di fare un ricorso eccessivo a consulenze esterne? C’era bisogno di comprare una scrivania da 8.216 euro? C’era bisogno di comprare due macchine di rappresentanza Bmw 525D Eletta, quelle che generalmente usano i Ministri della Repubblica? C’era bisogno di cambiare la caratteristica del carnevale cittadino ricorrendo a professionisti? Torniamo ad una buona e sana amministrazione, questa è la ricetta che cerchiamo di promuovere ed incoraggiare da sempre».

ULTIME NEWS