Pubblicato il

Forza Italia, i vertici del partito ristabiliranno la legalità

Da Consigliere dimissionario prima,per far cadere la giunta Saladini e permettere quindi a tutti questi signori (ed in particolare a chi si crede oggi di essere il padrone con fare da “mammasantissima”) di esistere oggi politicamente visto che, altrimenti, sarebbero rimasti TUTTI lontano un miglio da Palazzo del Pincio, e dimissionario poi,per rappresentare Forza Italia,su indicazione del partito, in seno alla giunta Moscherini permettendo ad altri che si sono sempre dichiarati uomini di partito di entrare tra i banchi dell’Aula Pucci e defraudato dopo un anno di amministrazione da un golpe interno a FI(?) architettato e perpetrato da chi non sa nemmeno dove sta di casa FI,con la sua storia e i suoi valori, non potevo non intervenire dopo le vergognose accuse portate ai vertici del partito che finalmente sono scesi in campo compatti per ristabilire la legalità all’interno del partito e la rappresentatività dello stesso in seno all’AC. Non potevo non intervenire leggendo sulla stampa le farneticanti dichiarazioni dal capobanda dei canestroni che si permette di elencare una serie di bugie e di falsità proprie di chi è abituato nella vita di tutti i giorni a farne uso. Non potevo non intervenire soprattutto per l’incoerenza di certi personaggi che,quando gli fa comodo,si trincerano dietro le direttive del partito a livello regionale e provinciale mentre,quando “gli ordini di scuderia”risultano essere loro sconvenienti si comportano come in questo caso con uscite scomposte e accuse false ed infamanti. Alla faccia della coerenza e dell’appartenenza sempre sbandierata al partito… Parlano di rappresentatività legata al voto degli elettori,dimenticando però di dire che nel golpe del giugno scorso,grazie a manovre oscure,hanno favorito soggetti mai candidatosi e mai affaciatosi nel panorama forzista e soprattutto legati a personaggi che hanno fatto vergognare chi ama la bandiera di FI. Si dimenticano di dire che,i voti che hanno preso (?),li hanno avuti grazie al simbolo con la quale si sono candidati e a quello stesso simbolo che hanno sfruttato come fosse un taxi per il raggiungimento dei loro scopi personali. Si dimenticano di dire che,è grazie a tutte quelle persone che si sono candidate alle ultime elezioni amministrative e soprattutto a chi li ha messi in lista pur non avendo mai messo piede in FI,mentre oggi gli si scagliano contro per meri interessi personali.si sa che in politica la gratitudine.Forse l’unico errore è stato fidarsi di certi canestroni prima e dopo le elezioni amministrative. Infatti,il capo canestro,si dimentica di dire come lui sia stato molto presente nella gestione del partito pre e post congresso, e lo dimostrano i ripetuti incontri svoltosi a Roma(era diventato ormai l’ombra di quel coordinatore che oggi tanto infamia tanto che in più occasioni pubbliche aveva sbandierato ai 4 venti questa sua “importanza”),con la sua costante ed ingombrante presenza,per allargare Forza Italia con l’ingresso di nuovi consiglieri comunali proprio su input di chi poi nel giugno scorso si è rimangiato,permettendo il famoso golpe, tutto quello che ha sempre detto e sostenuto anche in assemblee pubbliche. Parlano di direttivi non convocati quando sono stati i primi a non partecipare prima agli incontri organizzati a Civitavecchia e poi alle riunioni convocate ufficialmente dal coordinatore provinciale mancando di rispetto quindi,non tanto alla persona,ma alla bandiera che rappresenta. Si definiscono come gli unici che lavorano nel nome del partito dimenticandosi ,con superbia, di nominare gli unici forzisti veri in seno all’AC che sono i rappresentati delle circoscrizioni,Presidenti e quasi tutti i consiglieri eletti. Mentre ,salvo rare eccezioni,non mi sembra di aver ascoltato in Consiglio Comunale proposte utili allo sviluppo della città così come in giunta non mi risultano essere stati approvati provvedimenti degni di nota,mentre si ricordano bene le brutte figure riportate dalla stampa. Mi risulta invece che ci sono assessori canestroni che nemmeno si presentano in assessorato da ormai memore tempo. È così che si lavora per la città? Sono sicuro che i vertici del partito, a tutti i livelli, locale-provinciale-regionale e nazionale,riusciranno finalmente a ristabilire la legalità e fare luce su una vicenda (rimpasto di giugno per FI) che definire vergognosa è poco. E la ribadita conferma di De Sio coordinatore (ricordiamo carica scaturita dal congresso dello scorso dicembre con nomina avvenuta per acclamazione) e la convocazione di una tavolo a cui possano partecipare tutti i soggetti chiamati in causa,guarda caso mai fatto da chi a giugno ha permesso tale scippo tanto che è da prima di allora che il sottoscritto (insieme ai tanti amici eletti) è stato escluso da questi personaggi anche per le riunioni di condominio, a cui mi auguro questi signori finalmente partecipino “numerosi”, ne sono la riprova. Ringrazio Fabio Armeni,Alfredo Antoniozzi ed Alfredo Pallone per la presa di posizione pubblica verso lo scempio che è stato perpetrato in seno al partito locale ed in particolare Alfredo Antoniozzi per la coerenza dimostrata in tutta questa vicenda.

L’ex Assessore allo Sport

Alessio Romagnuolo

ULTIME NEWS