Pubblicato il

Frasca, Ciani e l’opposizione sulla stessa linea

La minoranza: «No a un porticciolo troppo a nord. Significherebbe una testa di ponte per il terminal Asia» Molo Vespucci ha già predisposto un progetto esecutivo per il rimboschimento e la salvaguardia della costa e del sito archeologico I consiglieri garantiscono sull’approdo in prossimità di Tvn :«Nonostante il basso impatto soddisferà i bisogni di tutti i diportisti»

La minoranza: «No a un porticciolo troppo a nord. Significherebbe una testa di ponte per il terminal Asia» Molo Vespucci ha già predisposto un progetto esecutivo per il rimboschimento e la salvaguardia della costa e del sito archeologico I consiglieri garantiscono sull’approdo in prossimità di Tvn :«Nonostante il basso impatto soddisferà i bisogni di tutti i diportisti»

CIVITAVECCHIA – «La soddisfazione più grande è stata quella di constatare che la nostra volontà di preservare la Frasca è condivisa dal Presidente dell’Autority al punto che lo stesso ha già predisposto un progetto esecutivo per la riqualificazione assolutamente naturale del sito con rimboschimento e salvaguardia dei reperti archeologici». Questa la sintesi dell’incontro tra i consiglieri comunali di opposizione e il presidente dell’Authority Fabio Ciani. Tema al centro del dibattito: la Frasca. Si riafferma con forza quindi la volontà dell’opposizione di realizzare un approdo dedicato al diportismo locale in prossimità di Tvn, puntando nell’immediato a soluzioni temporanee che consentano l’avvio dei lavori della darsena grandi masse. «La costa rocciosa va lasciata intatta – puntualizzano dalla minoranza – traslare il porticciolo troppo a nord significherebbe creare una sorta di testa di ponte per un terminal Asia, che si “incastrerebbe”, come la tessera di un gigantesco puzzle, tra centrale e porticciolo con la conseguenza di ridurre la Frasca alla minuscola porzione prospiciente il camping». Dall’incontro tra Ciani e i consiglieri di opposizione è emersa quindi con forza la volontà dell’Authority di istituire una nuova anagrafe del diportismo locale per evitare di lasciare barche a terra. Molo Vespucci ha già inoltre predisposto un progetto esecutivo che prevede una riqualificazione assolutamente naturale della zona, con tanto di rimboschimento e salvaguardia dei reperti archeologici presenti nel sito. «Invitiamo dunque il Sindaco – concludono dall’opposizione – a farsi parte attiva, per quanto riguarda le sue specifiche competenze, nell’ottica di una collaborazione che può davvero dare (realmente in tempi rapidi data la connotazione dell’opera) una risposta concreta ai diportisti. Ci pare ineludibile una iniziativa pubblica dove saranno invitati tutti coloro che sono interessati alla questione». Il presidente Ciani ha già dato la piena disponibilità. La parola spetta ora al sindaco Moscherini.
Mat. Mar.

ULTIME NEWS