Pubblicato il

I giurati di Gassman non tradiscono il Traiano

ALESSANDRO   di LUCA GUERINI

CIVITAVECCHIA – Ci sono giocatori capaci di superare gli avversari e mettere a segno gol importanti e ci sono retori come Alessandro Gassman capaci di sovvertire l’opinione pubblica di un’intera giuria popolare. E’ quanto è successo questo weeekend nell’allestimento di ‘‘La parola ai giurati’’, testo di reginald Rose, presentato nel cartellone di prosa del Traiano. Così si è passati dall’11 a 1 iniziale al conclusivo 0 a 12 .Oggetto del contendere non i calcistici tre punti, bensì l’assoluzione di un sedicenne condannato alla sedia elettrica per aver ucciso a coltellate il genitore. Uno spettacolo bellissimo e di indubbio valore grazie soprattutto ad un cast di tredici elementi ben caratterizzati e una regia quasi caravaggesca che rende degno di interpretazione anche l’attore sullo sfondo. L’allestimento sfiora la perfezione, funziona soprattutto la scelta di Gassman di utilizzare un linguaggio cinematografico.

ULTIME NEWS