Pubblicato il

Infartuato soccorso dal Roan in esercitazione <br />

ELICOTTEROCIVITAVECCHIA – Due giorni di esercitazione a partire da ieri per il Roan (Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza), che ha simulato una situazione di emergenze nel porto e in rada, con particolare attenzione alla torre petrolifera. Il tutto per stabilire i tempi di reattività nel caso di pericolo, approfittando di una annunciata consistenza del traffico crocieristico, che in realtà non c’è stata. Per l’esercitazione le fiamme gialle hanno impiegato due elicotteri (un NH 500 MD abilitato all’ammaraggio e un A 103 seconda serie per il volo notturno), più due motovedette, una d’altura e una veloce. La simulazione si è trasformata in realtà in occasione per testare la prontezza del reparto, poiché alle 13 circa di giovedì, una nave Grimaldi proveniente da Barcellona , a 40 miglia ha lanciato un Sos in cui segnalava la presenza di un infartuato a bordo. Rapidissimi i soccorsi anche grazie all’ausilio della Capitaneria di Porto. Nulla da fare: l’uomo, in gravissime condizioni, è comunque deceduto all’ospedale San Paolo. Soddisfatto dei lavori condotti il comandante del Roan, Tenente Colonnello Emilio Errigo, che ha però evidenziato delle criticità legate allo scalo, anche alla luce del triste epilogo: «L’esercitazione è riuscita – ha spiegato l’ufficiale – purtroppo però dobbiamo constatare nuovamente l’assenza nel porto di un’ambulanza, della camera iperbarica e quindi di un centro di soccorso indispensabili nel caso in cui dovessero presentarsi, come in questo caso, reali emergenze con pericolo per le persone».

ULTIME NEWS