Pubblicato il

La destra sui pendolari prende di mira il sindaco

CIVITAVECCHIA – «Ma il problema dei pendolari, caro Sindaco, non era uno dei punti cardini del suo programma?». A chiederselo, La Destra cittadina, che ancora una volta mette in evidenze le lacune e i limiti del sistema ferroviario., chiamando in causa direttamente il primo cittadino: «Al peggio non c’è mai fine – scrive La Destra in una nota – mai però avremmo pensato di dover viaggiare su di un treno allagato; in ritardo si, ma in ritardo e allagato no». Una panoramica circa la situazione vissuta dai pendolari civitavecchiesi: «Trenitalia – fa sapere il partito – ha tolto dalla nostra tratta circa un anno fa l’Euronight delle 6 diretto a Roma Termini, perché, come dicono i bene informati – disturbava il regolare viaggiare dei pendolari di Ladispoli». La Destra contesta quella che definisce la totale indifferenza del Comune e del Consiglio comunale: «E’ con l’indifferenza che vogliamo incentivare il turismo a Civitavecchia? pensate la bella figura che fa il Paese Italia quando lasciamo a piedi i corcieristi di tutto il mondo a 4 chilometri dalla stazione Termini. Noi come lei ben sa – affermano rivolgendosi a Moscherini – non ci aspettiamo che ci risponda, anche perché sappiamo che in questi giorni è impegnato con i suoi per l’affare Italcementi, per gli addobbi di Natale e per altri doni natalizi, ma le chiediamo di dare risposte concrete ai tanti pendolari che hanno creduto in lei e alle sue promesse». Poi un suggerimento ironico che sa dal sapore di armistizio: «Se lei si impegnerà realmente e concretamente per la risoluzione di questi problemi di cui ci facciamo portavoce, saremo sempre al suo fianco nel sostenere l’azione dell’Amministrazione. Se invece così non sarà – conclude il comunicato – le saremo sempre al fianco, anzi le daremo una mano affinché, se è vero come dicono si candiderà in Europa con il Pdl o con chiunque altro, purché vada via dal Comune e restituisca Civitavecchia ai civitavecchiesi».

ULTIME NEWS