Pubblicato il

«L’Ama? Non tollereremo più mancanze»

Santa Marinella. Il sindaco Bacheca sostiene i lavoratori della società che gestisce la raccolta dei rifiuti Il Comune annuncia contestazioni scritte agli organi preposti «se la situazione non si risolverà in breve tempo». Da oggi saranno distribuiti 50 nuovi contenitori. Intanto la Casagrande rivendica la paternità delle dichiarazioni e gli assessori replicano alla Lattanzi

Santa Marinella. Il sindaco Bacheca sostiene i lavoratori della società che gestisce la raccolta dei rifiuti Il Comune annuncia contestazioni scritte agli organi preposti «se la situazione non si risolverà in breve tempo». Da oggi saranno distribuiti 50 nuovi contenitori. Intanto la Casagrande rivendica la paternità delle dichiarazioni e gli assessori replicano alla Lattanzi

S. MARINELLA – «Non saranno più tollerate, nei confronti di Ama servizi, ulteriori mancanze». È netta la posizione del sindaco, che sostiene la manifestazione dei lavoratori della società che si occupa della raccolta e gestione dei rifiuti. «Abbiamo chiesto fortemente, alcune settimane fa, il rispetto del contratto stipulato tra la società ed il Comune, ma ad oggi la situazione è cambiata di poco. L’Ama, senza dubbio, ha una certa difficoltà a rispettare gli accordi di cui si era fatta carico, dato che i cassonetti sono fatiscenti ed insufficienti, i mezzi e le attrezzature da lavoro scarseggiano e gli operai sono costretti a lavorare in maniera inadeguata. Posso annunciare con fermezza che sin da domani partiranno contestazioni scritte agli organi preposti se la situazione non si risolverà in brevissimo tempo. Posso annunciare tuttavia che, da domani (oggi ndr.) 50 nuovi contenitori per la spazzatura saranno distribuiti su Santa Marinella e Santa Severa». «Capisco la rabbia dei lavoratori – aggiunge Bacheca – ma posso assicurare che da parte nostra ci sarà tutto l’impegno a far si che questa situazione si risolva nel più breve tempo possibile». Nella giornata di ieri, è giunta anche una dichiarazione di Elena Casagrande, segretaria provinciale del sindacato dei lavoratori intercategoriale, in cui si precisa che le dichiarazioni rilasciate sul nostro quotidiano esclusivamente riconducibili a lei stessa, che l’iniziativa di martedì è avvenuta al di fuori dell’orario di lavoro e che le sanzioni ricevute dagli operatori ecologici sono partite dall’azienda appaltatrice Ama e non dall’amministrazione comunale. Per quando riguarda invece la polemica sollevata dalla Lattanzi, che aveva chiesto le dimissioni dell’assessore al verde pubblico Roberto Marongiu, ai rifiuti solidi urbani, Fabrizio Romitelli e del presidente della Multiservizi Goffredo Lucantoni, a rispondere sono i diretti interessati. «Nessuno ha mai ostacolato nessuno – affermano – e quindi non capiamo tali affermazioni nei nostri confronti. La città sta senza dubbio migliorando per quanto concerne la pulizia. Con le polemiche sterili o con le chiacchiere, nulla viene risolto. I nostri assessorati stanno lavorando per risolvere questa delicata questione. Nessuno ha mai interferito con la delega affidatagli dal Sindaco, che lo ribadiamo, ha una funzione di controllo, e dunque non strettamente decisionale. La Lattanzi si adoperi per il ruolo cui è stata delegata» (Al.D’A.)

ULTIME NEWS