Pubblicato il

«Troppi centauri sulle strade collinari. Adesso basta»

Monti della Tolfa. Nuovo grido di allarme dei residenti appoggiati dai consiglieri di minoranza di Allumiere Presentata una nuova mozione per chiedere la messa in sicurezza delle strade. L’opposizione chiede l’installazione di autovelox e dissuasori Tanti genitori preoccupati: «Durante la manifestazione ciclistica alla Cavaccia abbiamo avuto paura per i nostri figli, le moto sfrecciavano fuori lo stadio ad alta velocità»

Monti della Tolfa. Nuovo grido di allarme dei residenti appoggiati dai consiglieri di minoranza di Allumiere Presentata una nuova mozione per chiedere la messa in sicurezza delle strade. L’opposizione chiede l’installazione di autovelox e dissuasori Tanti genitori preoccupati: «Durante la manifestazione ciclistica alla Cavaccia abbiamo avuto paura per i nostri figli, le moto sfrecciavano fuori lo stadio ad alta velocità»

MOTOdi ROMINA MOSCONI

MONTI DELLA TOLFA – Basta. Questo il grido disperato degli abitanti di Allumiere, Tolfa e La Bianca che si dicono «davvero stanchi e seriamente preoccupati per la propria incolumità a causa dell’alta velocità dei motociclisti che attraversano le strade collinari». Da molto tempo infatti il tratto dei Monti della Tolfa è stato scelto come ‘‘pista’’ dai motociclisti della domenica che attraversano a tutta velocità queste strade provocando rumori assordanti e soprattutto grande pericolosità. «Nel ponte del primo maggio ad esempio – lamentano alcuni residenti – siamo stati invasi da una frotta di motociclisti pazzi. Possibile che non si può proprio far nulla a riguardo? Perché i nostri sindaci non intervengono, magari installando autovelox? Perché bisogna aspettare che ci scappi il morto prima di intervenire?». A tal riguardo poi sono intervenuti anche i consiglieri di minoranza di Allumiere, Di Pietrantonio, Brutti, Sgamma e Pierantozzi, i quali facendosi portavoce dei cittadini de La Bianca, hanno denunciato con una mozione la pericolosità della strada di attraversamento della frazione (via della Repubblica) per l’alta velocità alla quale viene percorsa soprattutto dai motoveicoli. «L’alta velocità delle moto che attraversano il centro di La Bianca – spiega Di Pietrantonio a nome dei biancaioli – non è più tollerabile. Qualcuno deve intervenire al più presto a salvaguardia della tranquillità dei cittadini stessi. Ricordo che tale problematica fu sollevata in più occasioni con richiesta di installare dissuasori stradali lungo la via stessa, ma finora nessuno ha accolto le richieste della gente». Sempre su questo tema siamo stati invasi da mail di protesta dei residenti del tratto di strada che collega Allumiere e Tolfa: «Domenica scorsa eravamo alla Cavaccia – scrivono alcuni genitori – per una manifestazione ciclistica dedicata ai bambini. Tutto è andato bene, ma siamo stati seriamente impensieriti vedendo il gran numero di moto a tutta velocità sfrecciare fuori lo stadio rendendo pericolosi gli attraversamenti pedonali». Stesso problema sentito anche dai tolfetani: «Il centro del paese e la strada che porta a Bracciano – dicono alcuni residenti di Tolfa – nei fine settimana diventano di dominio dei motociclisti che a tutta velocità scambiano questa strada per Vallelunga».

ULTIME NEWS