Pubblicato il

Lite furibonda tra inquilini al palazzo d’acciaio

CIVITAVECCHIA – Situazione insostenibile per gli inquilini del palazzo d’acciaio, costretti ogni giorno a fare i conti con disagi e problematiche connesse alla struttura. Il male principale prende il nome di amianto, che terrorizza le dodici famiglie residenti all’interno dell’edificio, senza contare i disagi legati alla carenza o fatiscenza dei servizi. Ieri è scoppiata una rissa, fortunatamente senza gravi conseguenze, tra alcuni inquilini da circa tre anni in attesa degli interventi di riqualificazione da parte del Comune e gli addetti del centro sociale di stanza al piano terra, che recentemente hanno ottenuto la sostituzione di una tubatura idrica. Problemi logistici che si trascinano da anni: la settimana scorso una bambina è inciampata su un tombino scoperto, riportando la rottura di due denti, mentre ad agosto un bimbo è caduto per le scale a causa della gomma antiscivolo usurata, riportando la frattura del polso e della spalla. Non ci sta il consigliere della III Circoscrizione Simona Galizia: «Il Comune deve provvedere urgentemente ad una sistemazione di queste famiglie che rischiano veramente tanto».

ULTIME NEWS