Pubblicato il

Molestie sessuali nei confronti di una bimba di 11 anni

Tarquinia. Panico nei giorni scorsi sulla spiaggia nei pressi dello stabilimento MirageLa mamma della presunta vittima ed alcuni testimoni avrebbero visto un venditore ambulante straniero impegnato in ambigui palpeggiamenti Di fronte all’allarme dei bagnanti è subito fuggito. La donna ha presentato denuncia presso il Commissariato di polizia. La piccola è sotto schock

Tarquinia. Panico nei giorni scorsi sulla spiaggia nei pressi dello stabilimento MirageLa mamma della presunta vittima ed alcuni testimoni avrebbero visto un venditore ambulante straniero impegnato in ambigui palpeggiamenti Di fronte all’allarme dei bagnanti è subito fuggito. La donna ha presentato denuncia presso il Commissariato di polizia. La piccola è sotto schock

di ALESSANDRA ROSATI

TARQUINIA – Stava giocando in spiaggia, vicino all’ombrellone dei suoi genitori, quando è stata avvicinata da un venditore ambulante, straniero, che avrebbe rivolto lei attenzioni particolari, sconfinate, forse, in contatti e palpeggiamenti ad evidente sfondo sessuale. Almeno di questo sarebbe convinta la mamma della presunta vittima, una bambina di 11 anni rimasta sotto choc per quanto accaduto. La donna, accortasi a distanza dell’ambigua gestualità dell’uomo nei confronti della figlia, avrebbe tentato di corrergli incontro per bloccarlo, ma lo straniero si sarebbe dileguato in un attimo, fuggendo tra gli occhi attoniti dei bagnanti, alcuni dei quali testimoni. Persone cioè che avrebbero visto l’intera scena di presunto adescamento. Nel parapiglia generale, l’uomo sarebbe dunque riuscito a nascondersi. Si parla di molestie sessuali che il presunto pedofilo avrebbe tentato di mettere in atto nei confronti della piccola, approffittando forse della distrazione delle persone vicine, ma non ci sarebbe stata alcuna violenza. C’è chi parla tuttavia di specifici atteggiamenti, che avrebbero messo in difficoltà la bambina. Il fatto è accaduto circa quattro giorni fa nel tratto di spiaggia nei pressi dello stabilimento Mirage. La vittima, in villeggiatura a Tarquinia per qualche giorno con la famiglia residente nel comprensorio, avrebbe gravemente risentito di quei gesti particolari. La mamma della bambina ha sporto denuncia presso il Commissariato di polizia della cittadina etrusca. Dagli agenti massimo riserbo. La polizia indaga a 360 gradi per identificare l’uomo e mettersi sulle sue tracce.

ULTIME NEWS