Pubblicato il

Moscherini: «La maggioranza si è rafforzata»

Il Sindaco si è detto soddisfatto dell’esito del Consiglio sui rifiuti e non esclude un allargamento della coalizione

Il Sindaco si è detto soddisfatto dell’esito del Consiglio sui rifiuti e non esclude un allargamento della coalizione

CIVITAVECCHIA – Il giorno dopo il Consiglio Comunale sui rifiuti, il Sindaco Gianni Moscherini si è detto soddisfatto: «La maggioranza esce rafforzata dall’Assise – ha dichiarato – ha dimostrato di saper valutare bene le scelte da compiere, ora occorre fiducia e coraggio per andare avanti senza litigiosità, per risolvere i vari problemi ereditati dal Comune e a questo punto sono fermamente convinto che ci riusciremo». Il primo cittadino ha plaudito alla scelta fatta da Sandro De Paolis, che in Consiglio votò l’ordine del giorno di Moscherini relativo alle iniziative da intraprendere nei confronti del progetto della Beg: «Il suo è stato un voto di responsabilità per il futuro della città – ha fatto sapere – distinto dalla demagogia e dalla falsa informazione fatta finora dal resto dell’opposizione». Non ha confermato la messa in atto di prove tecniche di allargamento della maggioranza Moscherini, ma neppure ha disdegnato l’idea di un passaggio di Sandro de Paolis nella coalizione di governo: «Siamo la Grande Coalizione – ha ribadito – e non abbiamo limitazioni ideologiche. Chi vuole passare in maggioranza può farlo, a patto che lo faccia allo scopo di lavorare e produrre per il bene della città». Diversità di vedute per quanto riguarda Ambiente e Lavoro: «L’epilogo del Consiglio Comunale e l’approvazione da parte della maggioranza di un ordine del giorno che rigetta nella forma e non nel merito il progetto Beg – avvertono – è la prova evidente che non c’è alcuna volontà politica di aprire un confronto trasparente ed efficace per una scelta futura di un ciclo di smaltimento dei rifiuti». Contestano il discorso conclusivo di Moscherini, che insiste sull’esistenza di un project financing dal quale il Comune potrebbe rispondere per danni. Ambiente e Lavoro torna a mettere a disposizione dell’Amministrazione Comunale un professionista in grado di chiudere il project senza pericoli per l’ente: «La nostra opposizione a quel progetto non nasce dalla contrarietà all’uso di impianti per il trattamento completo dello smaltimento rifiuti – avvertono – ma dalla non compatibilità ambientale di quel progetto che, pur facendo ricorso alla pirolisi, consegna alla città emissioni inquinanti». Ambiente e Lavoro fa sapere infine di avere raccolto le osservazioni di alcuni cittadini in merito al procedimento e di averle già consegnate alla Regione Lazio lunedì scorso.

ULTIME NEWS