Pubblicato il

Omicidio Sunrise, chiesti 30 anni per Frignani

CIVITAVECCHIA – Trenta anni di carcere. È questa la richiesta avanzata questa mattina dal sostituto procuratore Elena Neri, dinnanzi alla Corte d’Appello di Roma, nell’ambito del processo per l’omicidio del buttafuori dell’ex Sunrise Ranch Massimo Pietroni, avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 gennaio scorsi. Unico imputato il 41enne di Santa Marinella Stefano Frignani, accusato di omicidio volontario, che nel corso della scorsa udienza aveva negato ogni addebito indicando invece in un misterioso uomo alto e moro l’autore del delitto. In aula la dottoressa Neri ha ricostruito il percorso dibattimentale e la propria versione dei fatti, avanzando la pesante STEFANOrichiesta al collegio. È stata poi la volta tre avvocati delle parti civili in rappresentanza dei genitori della vittima, dei figli avuti dal primo matrimonio e di quelli con la nuova compagna. Ognuno avrebbe chiesto un risarcimento danni di 500 mila euro, per un totale di 1 milione e mezzo di euro. Sabato mattina, alle 9.30, è fissata l’ultima udienza: verrà dato spazio alla discussione del collegio difensivo, composto dagli avvocati Salvatore Sciullo, Paolo Tagliaferri e Giuseppe Bruno Naso, prima di emettere poi la sentenza.

ULTIME NEWS