Pubblicato il

Parcheggi a pagamento: proteste e raccolta di firme

Ladispoli. E’ partita questo weekend la petizione contro l’istituzione delle strisce blu varata dalla giunta Paliotta Centinaia di persone pronte a contestare l’avvio del provvedimento passato in consiglio comunale Gli esponenti del Pdl annunciano battaglia accusando il centrosinistra «di voler fare solo cassa»

Ladispoli. E’ partita questo weekend la petizione contro l’istituzione delle strisce blu varata dalla giunta Paliotta Centinaia di persone pronte a contestare l’avvio del provvedimento passato in consiglio comunale Gli esponenti del Pdl annunciano battaglia accusando il centrosinistra «di voler fare solo cassa»

PARCHEGGIOLADISPOLI – E’ iniziata questo finesettimana, come promesso in consiglio comunale dai consiglieri del PdL Fioravanti, Moretti, Penge, Ruscito, Voccia, la consultazione da parte del PdL dei cittadini ladispolani sui parcheggi a pagamento istituiti dalla giunta di sinistra guidata dal sindaco Crescenzo Paliotta. La risposta è stata pressoché plebiscitaria, a detta degli organizzatori: centinaia le firme raccolte in questo primo weekend dai volontari del Gazebo della Libertà «contro la scelta sinistra considerata unanimemente iniqua». Il tradizionale gazebo del centrodestra è stato animato da un costante viavai di cittadini inferociti. «Tutti ormai si rendono conto che la scelta è probabilmente dettata da esclusive esigenze di cassa – tuonano dal Pdl – scarsa (o nulla?) programmazione della viabilità vediamo in tale decisione, tutte le iniziative del governo di abbassare le tasse rischiano poi di essere vanificate dall’aumento o l’introduzione di nuovi balzelli locali, ciò non è giusto». «La raccolta firme continua – spiegano gli esponenti di centrodestra – e prima o poi si chiederà conto all’amministrazione del suo operato, non si esclude un possibile ricorso al referendum in caso di testardaggine della sinistra». Tutto ha avuto inizio durante il consiglio comunale del 16 giugno quando la maggioranza di centrosinistra ha votato il provvedimento. «La maggioranza – dicono i consiglieri Asciutto di Fi e Ardita di An – non soddisfatta del recente aumento delle tasse a carico dei cittadini di Ladispoli, ha proposto di realizzare dei parcheggi a pagamento sul territorio comunale e precisamente nelle zona del centro storico e nelle aree limitrofe. In controtendenza con la politica del nostro governo Berlusconi, ecco che spicca la tendenziale caratteristica del centrosinistra di spremere il più possibile i cittadini, caricandoli di tasse, là dove non sono riusciti a fare cassa con l’Ici hanno deciso di attuare un provvedimento per istituire i parcheggi a pagamento. La recente sentenza del Tar del Lazio ha annullato il provvedimento in forza del quale sono stati istituiti i parcheggi a pagamento, laddove non abbiano tenuto conto dell’obbligo di istituire zone di parcheggio gratuito e libero in prossimità di aree in cui è vietata la sosta o previsto il parcheggio solo a pagamento». In effetti sono tanti i ladispolani che dicono no ai parcheggi blu e che sono pronti ad avviare ogni forma di protesta per bloccare il provvedimento dell’amministrazione Paliotta.

ULTIME NEWS