Pubblicato il

Petrelli: «Rifiuti, no allo scaricabarile. Subito un Consiglio comunale»

Il consigliere comunale di AeL risponde alle accuse di Moscherini

Il consigliere comunale di AeL risponde alle accuse di Moscherini

CIVITAVECCHIA – È stato il consigliere comunale Vittorio Petrelli a rispondere alle accuse che il sindaco Moscherini ha lanciato contro alcuni ‘‘infiltrati’’, come li ha definiti, della lista civica Ambiente e Lavoro, che avrebbero affisso manifesti in città che lo accusano di voler portare i rifiuti di Roma a Civitavecchia. «Moscherini – ha dichiarato Petrelli – deve smettere di speculare, di fare proclami e demagogia tentando uno scaricabarile che non aiuta nessuno. Convochi il Consiglio comunale per stabilire anche i tempi e i modi di un incontro con il Presidente Marrazzo che serva a fare chiarezza sulla complessità della vicenda. Una vicenda che deve essere inquadrata sulle esigenze reali del territorio e che nessuno può pretendere di interpretare indipendentemente dagli interessi generali del Paese in cui viviamo, con i suoi problemi, drammi ed angosce oppure le aspettative imprenditoriali di un’A.T.I. (Beg-Gesenu-Secit) che vorrebbero smaltire sul nostro territorio rifiuti per una quantità cinque volte superiore». Si trascinano ancora, dunque, le polemiche seguite alle dichiarazioni del presidente della Regione Marrazzo sulla possibilità di bruciare immondizia a Tvn. Per Petrelli è necessario che maggioranza e opposizione «si attrezzino per avviare un ragionamento sereno e unitario col territorio e con le altre istanze di livello regionale e nazionale. Ciò per garantire sicurezza e trasparenza e per evitare speculazioni, demagogia e conflitti sociali, a livello locale e con gli altri territori. Anche perché – ha detto il consigliere di Ambiente e Lavoro – è d’obbligo ricordare che l’emergenza rifiuti a Civitavecchia non esiste per la costituenda discarica di Fosso Crepacuore per 98mila metri cubi».

ULTIME NEWS