Pubblicato il

Picchia la ex convivente poi la minaccia con le forbici: arrestato rumeno

Il trentenne è accusato di violazione di domicilio, violenza privata, lesioni personali e resistenza a p.u.

Il trentenne è accusato di violazione di domicilio, violenza privata, lesioni personali e resistenza a p.u.

CARABINIERILADISPOLI – I carabinieri di Civitavecchia hanno tratto in arresto un cittadino romeno 30enne, residente a Cerveteri ritenuto responsabile dei reati di violazione di domicilio, violenza privata, lesioni personali e resistenza a Pubblico Ufficiale. Il fatto è accaduto nel tardo pomeriggio di martedì a Ladispoli, quando i carabinieri della locale stazione sono intervenuti presso l’abitazione di una donna rumena, P.V 26enne, in  seguito alla segnalazione di lite tra la stessa e il suo ex convivente e connazionale P.C 30enne. Il giovane è stato sorpreso con una forbice in mano intento a trascinare la donna al di fuori della propria abitazione e alla vista dei militari intervenuti ha tentato di aggredirli venendo immediatamente disarmato e bloccato. Gli accertamenti hanno consentito di scoprire che il giovane romeno si era recato presso l’abitazione di P.V. al fine di convincerla a riallacciare la loro relazione coniugale ormai da tempo conclusa; il rifiuto della donna ha  però scatenato la reazione violenta dell’uomo che dopo averla aggredita con calci e pugni, sotto la minaccia di una forbice, l’ha costretta a seguirlo venendo però subito bloccato dai militari operanti mentre tentava di uscire dall’abitazione. La donna ha dovuto fare ricorso alle cure mediche dei sanitari del locale Pronto Soccorso riportando lievi lesioni. La forbice veniva sottoposta a sequestro mentre P.C. veniva associato presso il carcere di Borgata Aurelia a disposizione dell’A.G. civitavecchiese con l’accusa di violazione domicilio, violenza privata, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.

ULTIME NEWS