Pubblicato il

Preso l’aggressore di largo Plebiscito

La polizia ha denunciato il sedicenne che la scorsa settimana ha picchiato con una casco una coetanea mandandola all’ospedale. Il giovane con piccoli precedenti penali si è presentato al San Paolo dove ha minacciato la vittima e alcuni suoi parenti. Immediato l’intervento degli uomini del Vice questore Sergio Quarantelli che in pochi minuti hanno rintracciato il ragazzo

La polizia ha denunciato il sedicenne che la scorsa settimana ha picchiato con una casco una coetanea mandandola all’ospedale. Il giovane con piccoli precedenti penali si è presentato al San Paolo dove ha minacciato la vittima e alcuni suoi parenti. Immediato l’intervento degli uomini del Vice questore Sergio Quarantelli che in pochi minuti hanno rintracciato il ragazzo

CIVITAVECCHIA – Ancora problemi per il sedicenne, che giovedì della scorsa settimana ha picchiato a largo Plebiscito una ragazza spedendola all’ospedale. Il fatto è accaduto in presenza di numerose persone e per di più alle 17,30 in una zona centralissima. Il ragazzo, a quanto pare per motivi legati al furto di un telefonino, avrebbe colpito una coetanea con un casco, causandole lesioni al volto e alla testa. A nulla valsero i tentativi della giovani di discolparsi: «Non ho mai fatto il tuo nome» avrebbe gridato in strada, «Mi hai messo in mezzo» sarebbe stata la replica del ragazzo prima di scagliarsi contro la vittima. Un gesto durato pochi secondi, poi la fuga in sella ad un motorino e l’arrivo di una volante della polizia. Immediate le ricerche degli uomini del commissariato di viale della Vittoria, che nonostante una descrizione dettagliata del ragazzo non portarono ad un’identificazione precisa. Questa volta il sedicenne avrebbe deciso di completare l’opera, presentandosi al reparto di medicina del San RAGAZZAPaolo e scagliandosi contro la giovane, i parenti e i medici accorsi per calmarlo. I fatti risalirebbero a tre giorni fa, quando l’aggressore, con piccoli precedenti penali, avrebbe tentato di ‘‘regolare i conti’’ con la giovanissima, utilizzando ancora una volta il metodo della violenza.
Urla in corsia e minacce prima di fuggire, ancora una volta in sella al suo scooter. Pronto l’intervento degli agenti coordinati dal Vice questore Sergio Quarantelli avvertiti dai sanitari che in pochissimo tempo hanno rintracciato in strada l’aggressore, bloccandolo prima di trasferirlo presso gli uffici del commissariato. Denunciato quindi all’autorità giudiziaria, con l’accusa di lesioni, minacce, ingiurie, guida senza patente e interruzione di pubblico servizio. Un’azione di repressione precisa quella della Polizia di Stato, costantemente attenta ai fenomeni di teppismo, vandalismo e bullismo che si ripetono in città con una certa frequenza. Un monitoraggio attento degli episodi di microcriminalità a viale della Vittoria, un fenomeno che dilaga mentre aumentano le denunce a carico di minorenni da parte degli agenti. Dall’inizio dell’anno sono stati già deferiti e foto-segnalati oltre centocinquanta giovanissimi, accusati di diversi reati.

ULTIME NEWS