Pubblicato il

Prima seduta del Consiglio Comunale sul bilancio: rimane fuori la convenzione Enel

Scende l'indebitamento da 83 a 76 milioni di euro. L'opposizione apprezza il regime restrittivo ma lamenta l'assenza di impronte politiche nella gestione dei conti

Scende l'indebitamento da 83 a 76 milioni di euro. L'opposizione apprezza il regime restrittivo ma lamenta l'assenza di impronte politiche nella gestione dei conti

CIVITAVECCHIA – Prima giornata di consiglio comunale riguardante la discussione sul bilancio. L’assessore Pasqualino Monti ha illustrato la sua relazione, parlando di una politica impostata sull’abbattimento del debito, che sarebbe sceso da 83 a 76 milioni di euro, nonostante la riduzione delle entrate, inferiori di 13 milioni di euro rispetto al 2007. Una manovra che non tiene conto del ricavato della convenzione Enel, ma che nel complesso è stata definita “del buon padre di famiglia”, trovando d’accordo il sindaco Moscherini, che ha giustificato i ritardi parlando di strategia tecnica finalizzata al conseguimento di importanti risultati. L’opposizione da canto suo apprezza il regime restrittivo del Bilancio, contestando però con Marietta Tidei e Marco Piendibene la mancanza di impronte politiche all’interno delle decisioni prese. Un aspetto che riapre il problema del dialogo tra maggioranza e minoranza. Da registrare l’assenza dai banchi della Pucci del gruppo di Alleanza Nazionale, che pur presente in Consiglio non ha preso parte ai lavori. La seduta è ancora in corso.

ULTIME NEWS